670 CV che corrono fino a 300 km/h. Ed è solo l'inizio...

"La BMW X5 è solo la prima". Michael Stein, direttore responsabile della svizzera Mansory, non ha dubbi: l'elaborazione di modelli appena sfornati da Monaco avrà un seguito. Quello che è stato appeno presentato ufficialmente è quindi solo un antipasto perché presto arriveranno la X6 e la nuova Serie 7 elaborate da Mansory.

Durante le diverse fasi di proggettazione della X5 secondo Mansory, quello che più ha interessato il team di elaboratori svizzeri è stato il design. Ogni dettaglio sportivo di serie è stato esaltato per dimostrare un carattere ancora più determinato. Ecco allora che il frontale è aggressivo con le prese d'aria maggiorate, le luci ridisegnate e la fibra di carbonio spalmata qua e là sulla carrozzeria. A comunicare invece una maggiore potenza sono i fianchi allargati di 70 millimetri all'anteriore e 80 al posteriore. Sotto il cofano, un'elaborazione capace di arrivare - di sicuro almeno su carta - alla velocità massima di 300 km/h e di scattare da zero a 100 km/h in appena 4,2 secondi. Merito di un potenziamento fino a 670 CV che sull'asfalto rimane incollato grazie a pneumatici che contano 315/25R23.

Mansory BMW X5