Può sparare anche un trasmettitore GPS sul un veicolo sospetto

L'auto della Polizia più futuristica del pianeta? Presto potrebbe essere quella dello Stato australiano del Queensland. Non è una coupé, una roadster o ancora una potente supercar, bensì una comunissima - almeno nel paese dei canguri - berlina Holden Commodore VE, rielaborata dalla Motorola e dal Monash University's Accident Research Centre.
Si chiama Emergency Services Concept Car ed è un prototipo equipaggiato con inedite tecnologie per combattere la criminalità su strada.
Tutte le funzioni di bordo sono controllate da un computer unico a comandi vocali. Due telecamere (una anteriore e una posteriore) inviano immagini in tempo reale alla centrale operativa, dove un agente ha la possibilità di controllare velocità e posizione dell'auto per coordinare con maggiore facilità l'eventuale inseguimento.
Un'altra telecamera sul tetto è in grado di leggere e registrare da 5 a 8 mila numeri di targa in una sessione di 10 ore e può essere impiegata per rilevare violazioni ai limiti di velocità, identificare veicoli rubati o comunque irregolari.

L'innovazione più interessante è data dal dispositivo che permette di inviare messaggi al veicolo inseguito che gli riceve (e li riproduce) attraverso il proprio impianto stereo e ancora da un piccolo cannoncino in grado di sparare un trasmettitore GPS sul veicolo sospetto. Quest'ultimo potrà così essere controllato a distanza evitando pericolosi inseguimenti.

Si preannunciano tempi duri per i criminali australiani...