La sperimentazione comincia in California e Massachussets con la ActiveE

BMW ha deciso che intraprenderà il proprio programma di sperimentazione per l'auto elettrica negli USA nelle città californiane di San Diego, San Francisco e Sacramento e a Boston, nel Massachussets. Nel programma, che inizierà nell'estate del 2011 sarà coinvolta una flotta di ActiveE e rappresenta la fase 2 dell'elettrico per la casa bavarese dopo le 450 Mini in vista dello sviluppo e della presentazione del veicolo Megacity, previsto per il 2013 e che per la scocca farà ampio uso della fibra di carbonio per ridurre il peso.

Il programma ActiveE ha diversi partner: l'assessorato per i trasporti del Comune di San Francisco, la San Francisco Clean Cities Coalition, il Commonwealth of Massachusetts e il Comune di Boston, la San Diego Gas & Electric, la Pacific Gas and Electric Company, la Northeast Utilities e la sua sussidiaria Connecticut Light & Power, la Sacramento Municipal Utilities District e la New Jersey Clean Cities Coalition. Tra i partecipanti ci sono anche l'ufficio del sindaco di New York, l'assessorato per l'Acqua e l'Energia di Los Angeles e della Power and Southern California Edison. Tutte per garantire la buona riuscita attraverso la fornitura di infrastrutture di ricarica e di tutte quelle facilitazioni che rendono convenienti e piacevoli il possesso e l'utilizzo di un'auto elettrica.

La ActiveE - lo ricordiamo - è basata sulla Serie 1 Coupé e adotta batterie agli ioni di litio e motopropulsore e sistema telematico di controllo sviluppati insieme alla SB-LiMOtive, joint-venture tra Bosch e Samsung. Originale la loro disposizione: il gruppo propulsore è alloggiato sul retrotreno mentre il pacco batterie si trova nel tunnel dedicato sull'auto normale al cambio e all'albero di trasmissione. La ActiveE ha 170 CV e 270 Nm, raggiunge i 145 km/h autolimitati e accelera da 0 a 100 km/h in 9 secondi con un'autonomia di 160-200 km.

In arrivo le BMW a trazione anteriore

Foto di: Daniele Pizzo