La coupé giapponese del futuro è diesel

Dopo i primi bozzetti la Mitsubishi Concept-RA fa il suo debutto in anteprima mondiale al salone di Detroit con il dichiarato intento di condensare in un unico prototipo lo stato dell'arte della tecnologia del Costrutore nipponico.

Nei 4,445 m di lunghezza e 1,895 m di larghezza della scocca di questa coupé a due posti, la Casa giapponese ha inserito per la prima volta un nuovo motore - che si intravede attraverso il cofano - oltre ad un'ampia griglia di raffreddamento dalla forma a trapezio che ricorda molto quella della Mitsubishi Lancer Evo X.

Si tratta di un motore turbodiesel 4 cilindri da 2.2 litri da 204 CV e 420 Nm di coppia che si avvale dello stesso controllo di alzata delle valvole variabile MIVEC4 presente anche su altri propulsori della Casa dei Tre Diamanti, iniezione common rail e turbocompressore a geometria variabile che lavora insieme al cambio sequenziale Twin Clutch SST e al già noto sistema di trazione integrale S-AWC che controlla contemporaneamente coppia, sterzata, rollio e frenata, il cui funzionamento è possibile provare di persona con un simulatore appositamente allestito a Detroit.

Il telaio è in alluminio, mentre i pannelli della scocca sono realizzati in una plastica riciclabile. Se verrà realizzata una versione stradale è ancora presto per dirlo, ma intanto il nuovo motore è stato sviluppato per rispondere alle normative antinquinamento USA Tier 2 Bin 5, e forse questo può essere considerato un primo segnale.

Mitsubishi Concept-RA

Foto di: Daniele Pizzo