Il designer italiano degli interni racconta le ambizioni delle auto una volta definite utilitarie, che nascono da uno “schermo” al centro dell’abitacolo

“Piccole auto crescono”. Prima in dimensioni, visto che da una generazione le cosiddette utilitarie hanno superato i 4 metri di lunghezza, rubando clienti al segmento delle compatte per disponibilità di spazio e piacevolezza di guida su strada. E ora anche in qualità della vita a bordo, grazie alla diffusione di tecnologie che in passato si trovavano solo in categorie ben superiori. L’arrivo della nuova Renault Clio porta al debutto il sistema multimediale R-Link, un impianto ispirato ad un tablet e che permette di connettersi ad internet, scaricare applicazioni da un apposito store e comunicare con l’elettronica della vettura per modificare il proprio stile di guida e consumare meno carburante. Senza però trascurare lo stile, dato che lo schermo da 7” è perfettamente integrato nel design della plancia, come ci ha spiegato in occasione della prima prova su strada Matteo Piguzzi, l'ingegnere e designer italiano che ha realizzato gli interni della nuova Clio.

L'ATTITUDINE (INTERIORE) AD ESSERE PREMIUM

Se il team guidato da Laurens Van Den Acker, direttore del design Renault, ha ridefinito le forme esterne della piccola parigina per far compiere a Renault “il primo passo verso il lusso”, così nell’abitacolo i progettisti hanno voluto fare un salto di qualità partendo proprio dal concetto di tablet “sospeso”. Grazie alla separazione su due livelli - o layer, per usare il gergo utilizzato nel mondo della grafica - il conducente può interagire tramite touchscreen e riconoscimento vocale con le modalità di navigazione, entertainment e computer di bordo dell’ R-Link.

SCARICA LE APPLICAZIONI E FA DA EMULATORE

Una delle funzionalità più interessanti dell’impianto è l'R-Link Store, un contenitore di applicazioni (che inizialmente sono più di 50) in cui spicca il software che simula diversi suoni di scarico, riproducendoli attraverso nuovi diffusori conici integrati negli altoparlanti sui pannelli porta. Si va dal sound della vettura da competizione preparata per il monomarca Renault Clio Cup alla voce “fantascientifica” immaginata per la prossima generazione di Clio, la quinta. Il debutto dell’R-Link è invece fissato per un futuro più prossimo, che vedrà questo “tablet” arrivare sul mercato italiano nel 2013 sulle versioni Energy della Clio, ad un prezzo che dovrebbe aggirarsi attorno ai 400 euro.

Nuova Renault Clio 1.0 TCe Energy: piccolo turbo, grande fiato

Foto di: Giuliano Daniele