Il turbodiesel D3 di S60, V60, V70 e S80 riduce emissioni e consumi

A partire dal prossimo mese di settembre i clienti di Volvo S60, V60, V70 e S80 hanno la possibilità di abbinare la tecnologia start/stop al cambio automatico, almeno sulle versioni spinte dal turbodiesel D3 di 2 litri e 163 CV. Il sistema di spegnimento e accensione automatica durante le soste permette di ridurre i consumi di 0,4 l/100 km e le emissioni di CO2 di 10 g/km. L'adozione del dispositivo sulle vetture con cambio automatico prevede che il motore venga riavviato quando il conducente sposta il piede dal freno all'acceleratore. Il nuovo start/stop spegne il motore quando la vettura è ferma, mantiene l'olio in pressione nel cambio attraverso una pompa elettrica e prevede un motorino d'avviamento ottimizzato.

Questo primo abbinamento di cambio automatico Geartronic e start/stop è stato calibrato sulle caratteristiche del 5 cilindri turbodiesel D3 da 163 CV e 400 Nm, il propulsore che ha debuttato sulla gamma Volvo lo scorso anno partendo dall'unità di 2,4 litri. Rispetto a quest'ultimo i consumi sono ridotti grazie anche agli iniettori piezoelettrici ad alta pressione e al turbocompressore regolato per garantire una coppia elevata sin dai bassi regimi. Con l'inedito accoppiamento di start/stop e cambio automatico i consumi combinati della Volvo S60 D3 scendono a 5,4 l/100 km, a 5,7 l/100 per la V60 e la V70 e 5,6 l/100 km per la S80. Anche le emissioni di anidride carbonica sono contenuti in un range che va da 142 a 149 g/km.

Start/stop per le Volvo con cambio automatico

Foto di: Fabio Gemelli