Stile rinnovato e interni fino a 7 posti per la nuova serie della MPV coreana, al debutto nel mercato europeo

Il rinnovamento della gamma Kia passa anche per la nuova monovolume Carens, un modello che in passato ha avuto un certo successo in Italia e che ritorna sul mercato dopo un'assenza di qualche anno. Mostrata in anteprima al Salone di Parigi, la nuova mpv coreana si è profondamente trasformata nello stile, ora più moderno e slanciato, e vanta ora una migliore l'abitabilità interna con la possibilità di ospitare fino a 7 passeggeri. PIÙ CORTA E PIÙ BASSA, CON LINEE MODERNE Le nuove linee della Carens disegnate dal team di design Kia guidato da Peter Schreyer puntano a inserire la vettura nel contesto del nuovo linguaggio stilistico della Casa coreana attraverso differenti proporzioni e linee più aerodinamiche e meglio raccordate. La lunghezza complessiva è di 4,50 metri, 20 mm in meno rispetto alla precedente, ma anche la larghezza e l'altezza si riducono rispettivamente di 15 e 40 mm; in particolare, l'altezza di 1.610 mm corrisponde a quella della Kia Soul, e rende la Carens una della multispazio più basse della categoria. Il frontale adotta la calandra che si restringe al centro, comune ad altre vetture del marchio, e luci diurne a LED di serie; la fiancata presenta una linea di cintura alta, con una sottile cromatura che prosegue fino al montante posteriore (come sulla Sportage), il tetto è rastremato e si chiude sullo spoiler sul lunotto, mentre alla base delle portiere si trova una piega caratteristica; in coda, le luci hanno un design deciso, a sviluppo orizzontale, a richiesta con luci a LED. A seconda dei mercati, saranno disponibili fino a 7 colori di carrozzeria. ABITACOLO FINO A 7 POSTI Grazie ad alcuni accorgimenti nel design, a cominciare dall'avanzamento del montante anteriore, è stato possibile aumentare lo spazio per l'abitacolo, con l'allungamento di 5 cm del passo. In questo modo, gli interni sono configurabili nelle versioni a 5 o a 7 passeggeri, e anche la visibilità dal posto di guida è sensibilmente migliorata, con un aumento della luminosità garantito dal tetto panoramico in vetro. La seconda fila di sedili è ripartita in tre sedute singole, regolabili in modo autonomo, e anche lo schienale del sedile anteriore è ribaltabile in avanti, mentre la versione a 7 posti è dotata di una panchetta supplementare, ripiegabile a scomparsa nel fondo del pianale. La plancia ha un design semplice e funzionale, e sono disponibili le bocchette anche per i posti posteriori, le tendine laterali a richiesta, uno specchietto grandangolare sul parabrezza per controllare l'intero abitacolo e numerosi cassetti e vani portaoggetti. TRE MOTORI PER L'EUROPA I motori destinati al mercato europeo sono tre: il diesel 1,7 litri della famiglia U2 è già presente in altri modelli Kia, ed è disponibile nelle versioni da 115 CV e 260 Nm di coppia, oppure 136 CV e 330 Nm di coppia, mentre il benzina 1,6 GDI "Gamma" a iniezione diretta da 135 CV è il medesimo che equipaggia Sportage e cee'd. Tutte le Carens adottano cambio a sei marce, con i primi due rapporti corti e la sesta di riposo, per ridurre i consumi. Rispetto alla precedente Carens sono state modificate le sospensioni (McPherson anteriori, bracci longitudinali interconnessi al retrotreno) per migliorare doti stradali e comfort, mentre il servosterzo MDPS è ad assistenza elettrica, con funzione di controllo della coppia e dell'angolo sterzante e tre regolazioni (Normal, Sport e Comfort). L'impianto frenante è a quattro dischi, da 300 mm ventilati all'avantreno e da 284 mm al retrotreno, con cerchi da 16" in acciaio come dotazione standard, che possono essere sostituiti da cerchi in lega da 16", 17" o 18", questi ultimi in tonalità grigio scuro. ELETTRONICA DI AUSILIO ALLA GUIDA E PER L'INFORTAINMENT Tra le dotazioni di serie si trova il cruise control con limitatore di velocità, mentre sono disponibili il freno a mano elettrico, la "smart key" con avviamento mediante pulsante, l'impianto audio con 6 altoparlanti, sub-woofer e amplificatore supplementare, il tetto panoramico elettrico in vetro. Sono previsti anche il controllo della marcia in corsia LDWS (Lane Departure Warning System), che agisce superando i 60 km/h, e l'assistenza alle manovre di parcheggio SPAS (Smart Parking Assist System) mediante ultrasuoni e uno specifico computer; a richiesta la telecamera posteriore e i proiettori HID allo xeno.

Nuova Kia Carens

Foto di: Sergio Chierici