La 5 porte sportiva a gasolio arriva nella seconda metà del 2011

Il presidente di Porsche, Matthias Müller, è in vena di esternazioni e dopo aver annunciato una probabile collaborazione con Bentley si spinge a confermare le voci che già da tempo davano per certo l'arrivo di una Porsche Panamera Diesel. Il CEO della Casa tedesca ha infatti dichiarato al Westfalen-Blatt che il successo della Cayenne Diesel ha contribuito in maniera determinante sulla decisione di lanciare la Panamera Diesel nella seconda metà del 2011.

Con l'arrivo della GT quattro porte alimentata a gasolio si avrà quindi una definitiva diffusione del motore ad accensione spontanea anche sulla gamma delle stradali, una sorta di consacrazione ufficiale che rende l'opera di Rudolf Diesel degna di trovare posto sotto il cofano delle sportive di Zuffenhausen. Nessun dettaglio è stato fornito sulla nuova motorizzazione da montare sulla Panamera, ma è facile credere che si tratterà sempre dello stesso 3.0 TDI di origini Audi che con i suoi 240 CV e 550 Nm già spinge la Cayenne Diesel.

Se così fosse la Panamera si troverebbe ad avere in gamma una versione entry level dalla potenza decisamente più bassa rispetto alle altre e con un prezzo d'acquisto che, se ben calibrato, potrebbe allargare la clientela verso gli attuali acquirenti di BMW Serie 5 GT, Mercedes CLS e, ovviamente, Audi A7 Sportback. Nell'intervista rilasciata al giornale tedesco Müller ha anche parlato di Cajun, la futura "baby Cayenne", un nome a cui in Porsche si sono ormai "affezionati" e che potrebbe essere veramente utilizzato se non ci saranno impedimenti di tipo legale. Un accenno anche all'ibrida sportiva Porsche 918 Spyder, i cui prototipi sono già in fase di test e che, a suo dire, arriverà sulle strade "entro 2 o 3 anni".

Porsche Panamera 2011

Foto di: Fabio Gemelli