Via libera ufficiale del consiglio di amministrazione per il SUV compatto previsto per il 2014

Il consiglio di amministrazione Porsche ha dato finalmente il via libera ufficiale per il Cajun, il nuovo SUV compatto che entrerà a far parte della gamma della casa di Zuffenhausen tra non meno di 2 anni. Del progetto OmniAuto.it aveva già parlato quasi due anni fa e lo stesso presidente di Volkswagen AG, Martin Winterkorn, lo aveva caldeggiato anche con dichiarazioni pubbliche nelle quali aveva anche ammesso che il nuovo modello avrebbe potuto chiamarsi Cajun.

Ora arriva la conferma che il Cajun - o come si chiamerà - si farà e nel segmento ci sarà un nuovo SUV compatto di fascia alta con caratteristiche spiccatamente sportive, persino superiori alla BMW X3 che nel frattempo si è rinnovata completamente e nel 2014, anno previsto per il debutto dell'inedita Porsche, affronterà il restyling di metà vita. La piattaforma utilizzata dal Cajun - e dunque anche gli stabilimenti, compreso quello cinese di Changchung - sarà quasi sicuramente quella dell'Audi Q5, condivisa a sua volta con la A4 e la A5 e capace dunque di sopportare potenze superiori ai 400 CV. Probabile anche che in gamma ci sia un 4 cilindri come motore di ingresso, magari accoppiato con il nuovo sistema ibrido della Q5 che nel frattempo potrebbe evolvere diventando plug-in. Scontata la presenza del Diesel, anche questo con un 4 cilindri di ingresso. Probabile l'utilizzo di un sistema di trazione integrale diverso, con giunto elettromagnetico, come sulle 911 e sulla Panamera, al posto del differenziale Torsen o degli ingranaggi a corona utilizzati da Audi sulle proprie auto a motore longitudinale. I freni, come da tradizione, riceveranno una cura particolare secondo i terribili capitolati Porsche. Invariato invece lo schema delle sospensioni che riceverà un'approfondita messa a punto per soddisfare i parametri di sportività dovuti.

L'arrivo del Cajun nella grande famiglia Volkswagen porterà probabilmente a vedere un riposizionamento della Q5 verso il comfort e il lusso, più vicino al profilo della Mercedes GLK, lasciando alla Porsche il terreno della sportività ricoperto invece dalla BMW X3 anche se va detto che i risultati della Q5 sono talmente entusiasmanti che questo sarà l'utimo dei problemi per gli strateghi che fanno la spola tra Wolfsburg, Ingolstadt e Zuffenhausen. Sempre che nel frattempo BMW non decida di tirare fuori una X4, ovvero una X6 in formato ridotto. Il Cajun punterà di sicuro a una clientela giovane, diversa da quella della Boxster e consentirà a Porsche di aumentare i volumi e abbassare le emissioni e i consumi medi di flotta, obiettivo fondamentale per i mercati tradizionali, USA innanzitutto che assorbono attualmente un terzo della produzione.

Porsche Roxster e baby Boxster: si può fare

Foto di: Fabio Gemelli