Kit estetico e meccanico non intaccano la sobrietà della station di Göteborg

L'ultima interpretazione della familiare svedese, la Volvo V60, è caratterizzata da linee tese che raccordano i volumi della carrozzeria, generando una succesione di forme che sfrutta l'alternanza di luce e ombra come elemento di design. La V60 Heico Sportiv non altera l'equilibrio stilistico della pronipote della Polar, ma ne esalta l'immagine dinamica con alcuni dettagli che danno enfasi al carattere dell'auto.

Ci riferiamo in particolare ai generosi cerchi in lega da 20 pollici, che slanciano "in avanti" la station svedese mimetizzando ulteriormente la coda già di per sè sfuggente. Proprio il posteriore è dominato dai quattro terminali di scarico ovali, che fuoriescono da un profilo estrattore per il fondo scocca e sono sormontati da una cornice cromata posta sotto il portellone. Il pacchetto aerodinamico si completa con lo spoiler anteriore che allarga la zona confinante con i passaruota, per gestire la turbolenza dell flusso d'aria e dare più direzionalità alle ruote anteriori. I motori che ricevono degli interventi sono due: il 2.0 T è in grado infatti di erogare 293 CV di potenza e 350 Nm di coppia, mentre il 6 cilindri trasversale T6 sprigiona 326 CV e 460 Nm.

Volvo V60 secondo Heico Sportiv