È ufficiale: a Detroit l’MPV come terzo modello e nascita di un sub brand

La Toyota ha annunciato che il Salone di Detroit sarà l'occasione ufficiale per annunciare la nascita della famiglia Prius con la contestuale presentazione di un terzo modello - dopo la Prius e la Prius plug-in - che sarà il nuovo MPV basato sulla piattaforma della capostipite. La notizia conferma quanto anticipato da OmniAuto.it alcuni fa, le dichiarazioni dei vertici Toyota e la successiva pubblicazione di vari teaser apparsi su Facebook e YouTube, ultimo dei quali è proprio di ieri e vede protagonista Bob Burnquist. È lo stesso skateborader americo-brasiliano, seduto nel cofano della nuova Toyota a vestire le protezioni che gli consentono di compiere le sue acrobazie in sicurezza, a confermare che il 10 gennaio ci sarà a Detroit un nuovo membro della famiglia Prius in grado di offrire il 50% in più di spazio con gli stessi ingombri esterni.

La Prius MPV (che potrebbe chiamarsi Verso per i mercati europei) potrebbe avere il sistema plug-in con batteria agli ioni di litio che le consentirebbe, come nel caso della berlina, di avere 20 km di autonomia in elettrico e una velocità massima ad emissioni zero di 100 km/h. Un particolare che potrebbe confermare questa circostanza è il fatto che Toyota abbia fatto intravvedere profilo del tetto, flash del frontale, ma mai i fianchi dove potrebbe esserci lo sportellino per la ricarica. A rispondere alla Prius MPV, radio Detroit dà per sicura la presentazione di una Chevrolet Volt MPV, evoluzione del concept Volt MPV 5 già fatto vedere al Salone di Pechino. Mentre è già ufficiale che la Ford presenterà la versione americana della C-Max7 annunciando l'arrivo nel 2012 delle versioni ibride normale e ricaricabile che saranno costruite nello stabilimento di Wayne. Insomma, un nuovo fronte di guerra si è aperto e Toyota si prepara a difendere il suo forte "ibrido" anche in questo segmento.

Fotogallery: La Toyota Prius mette su famiglia