Battutto all'asta uno dei 150 esemplari in circolazione

Lo scoop non è eclatante, ma vale sempre la pena rispolverare il nome "Countach", un appellativo importantissimo nella storia della Casa del Toro. La show car debuttò nel marzo 1971 al salone di Ginevra e si parlò subito di "un'auto destinata al futuro". Oggi una delle 150 Countach LP400 Periscopica che vennero realizzate è stata battuta all'asta da Bonhams per più di un milione di dollari. A valere tanto non è solo il suo design ultra futurista per l'epoca, ma anche le soluzioni tecnologiche che erano all'avanguardia.

Le portiere ad azionamento verticale gli davano un aspetto fantascientifico e la strumentazione digitale la proiettava avanti nel tempo. Il soprannome "periscopica" infatti deriva dalla particolare forma del retrovisore. E c'è anche un altro aneddoto tutto italiano da raccontare: si narra che si chiami "Countach" per via dell'esclamazione in dialetto piemontese che fece Bertone guardandone il progetto: "stupendo". Il motore era un 12 cilindri derivato da quello della Miura e le Lamborghini Countach LP400 destinate al mercato USA avevano l'iniezione elettronica Bosch Ke-Jetronic, mentre le altre erano ancora equipaggiate con i carburatori Weber (i propulsori "statunitensi" avevano un 9% in meno di prestazioni).

Countach LP400 Periscopica, la Lambo da un milione di dollari

Foto di: Eleonora Lilli