La crisi dell’auto di nicchia e lo sfavorevole cambio yen/euro allontanano l’MPV nipponica

La Nissan Cube, multispazio di nicchia compatta e dalle forme originali, esce dai listini europei ed italiani, in cui è apparsa solo a inizio 2010. La sospensione delle importazioni di Cube è il risultato di una serie di problemi accumulatisi negli ultimi mesi. Il primo riguarda la crisi dei modelli di nicchia (confermata anche dall'annunciato addio europeo di Daihatsu) e l'assottigliamento dei guadagni che questo settore sperimenta. A titolo di esempio bastino i 435 esemplari di Nissan Cube immatricolati in Italia nel 2010, da paragonare alle 2.542 unità della più economica Nissan Note.

Altra motivazione data a questo "ritiro" della Cube dal Vecchio Continente è il cambio yen/euro, sempre meno favorevole all'importazione della vettura prodotta esclusivamente a Oppama, Giappone. A partire da questo mese le vendite di Nissan Cube vanno ad esaurire le scorte dei depositi europei e gli ultimi esemplari disponibili presso la rete di vendita. Difficile quindi al momento ipotizzare un rapido ritorno nelle nostre concessionarie della Cube, provata da OmniAuto.it per le strade di Roma, salvo un'improbabile inversione di tendenza nel cambio di valuta.

A spasso con la Nissan Cube

Foto di: Eleonora Lilli