Con i Mondiali 2014 si rafforza il legame tra il costruttore italiano e il paese sudamericano

Fiat Uno. Una macchina popolare che tutti ricordiamo e che in Brasile è ancora "viva" (e gode di ottima salute). E' una delle auto più comprate e per i Mondiali 2014 è stata prodotta in versione speciale: Fiat Uno Rua. La Panda brasiliana si è vestita con i colori della bandiera per una tiratura limitata a 2.000 esemplari che dovrebbero aumentarne la notorietà. Questo mercato è fondamentale per Fiat, ma sebbene Sergio Marchionne abbia detto che l'azienda riuscirà a raggiungere gli obiettivi 2014 questo è un anno molto difficile. A frenare la corsa ci sono le elezioni, però Fiat non molla e in Brasile vuole rimanere leader. Oltre ai modelli la scommessa è quindi sulle fabbriche, tra le più avanzate al mondo.

Entro l'anno aprirà quella di Goiana, nello stato del Pernambuco, dove verrà assemblata la Jeep Renegade ed altri veicoli del gruppo Fiat/Chrysler "che certamente sorprenderanno il consumatore brasiliano", ha detto l'amministratore delegato di Fiat/Chrysler per l'America Latina, Cledorvino Belini. "Il polo automotive che stiamo costruendo in Pernambuco sarà la prima fabbrica di auto del nuovo gruppo ad essere inaugurata dopo la fusione - ha aggiunto -. Sarà anche il più moderno stabilimento Fiat/Chrysler nel mondo". La fiducia in questo mercato è forte, come dimostrano le tante declinazioni della Uno. Oltre alla Rua ci sono la Vivace, la College, la Sporting e la Uno Way. Insomma ce n'è per tutti i gusti. Una curiosità: per commemorare il 12esimo anno in Brasile Fiat ha lanciato la "Grazie Mille", vi ricorda qualcosa?

Fiat Uno, in Brasile la fanno in tutte le salse

Foto di: Eleonora Lilli