Quattro compagnie alzano il prezzo della benzina, ma il diesel scende

La breve tregua che ha interessato l’aumento del prezzo dei carburanti sembra finita. L’inizio del 2013 porta infatti con sé i rialzi dei prodotti petroliferi raffinati e di conseguenza i primi ritocchi dei prezzi al litro dei carburanti alla pompa, applicati alla benzina da quattro compagnie nello scorso fine settimana scorso. A modificare al rialzo i listini della benzina sono stati Esso, Shell, Tamoil e TotalErg. La Esso ha aumentato di 1 centesimo di euro la benzina, abbassando invece il gasolio di un altro centesimo. Shell ha deciso di incrementare di 2 centesimi il prezzo dei carburanti, seguita da Tamoil (1 cent.) e TotalErg (0,8 cent.). A causa di questi aumenti il prezzo medio della benzina italiana, riportato da Staffetta Quotidiana, sale così a 1,806 euro/l (+0,6 cent.) e il diesel scende a 1,755 euro/l (-0,2 cent.). Al momento l’unica compagnia con prezzi della benzina sotto quota 1,8 euro/l è l’Eni, che fa segnare un listino di 1,792 euro/l.