Vistosi facioni, cerchi da 22”, interni by Recaro e 340 CV

L’abito non fa il monaco, dicono, ma a guardare la BMW X6 elaborata da Lumma Design non si direbbe: è davvero esagerata. Il SUV-coupé tedesco, rivisto secondo lo stile del tuner monacense, è tutto tranne che sobrio. Impossibile non notare i fascioni anteriori, laterali e posteriori ed i nuovi passaruota. E lì, arrivati ai suoi piedi non possono sfuggire i mastodontici cerchi in lega da 22” (pneumatici 295/30 nell'anteriore e 335/25 nel posteriore). E le sorprese continuano: anche gli interni sono audaci. Nell’abitacolo tutto è basato sul contrasto e si alternano pelle bianca e nera con inserti di alcantara e dettagli in carbonio. Spiccano anche i sedili a guscio by Recaro, sia per il conducente che per i passeggeri posteriori.


Eppure sotto al cofano c’è di più. Lumma Design non si è limitato ad un restyling estetico, ma ha compiuto la magia aumentando la potenza del SUV-Coupé tedesco con una nuova mappatura della centralina del 6 cilindri 3.0 turbodiesel ed ha installato un nuovo kit di scarico che eroga 340 CV e una coppia di 670 Nm. Generosa anche per quanto riguarda la velocità massima: 295 km/h. E se questo non basta, per la xDrive 50i si può chiedere ancora di più. Il V8 4.4 litri biturbo benzina può essere potenziato fino a 434 CV.

BMW X6 Lumma CLR X 650, esagerata in ogni senso