Il crescente prezzo del petrolio allarga il mercato del gas naturale

Solo poche ore fa l'ad Fiat Sergio Marchionne ha ribadito l'intenzione del gruppo italo-americano di voler sostenere anche sul mercato nordamericano la diffusione delle auto alimentate a metano. L'utilizzo del gas naturale per autotrazione, un argomento quasi sconosciuto oltreoceano, sembra ora più interessante anche per Ford, che in una nota ufficiale comunica l'incremento delle vendite per i propri veicoli commerciali a metano (CNG - Compressed Natural Gas).

VEICOLI COMMERCIALI "CNG"

Negli USA la Ford propone la versione bifuel su Transit Connect, sui furgoni della Serie E e sulla Serie F Heavy Duty. In particolare il Ford Transit Connect CNG sta riscuotendo un buon successo fra varie compagnie di taxi a Las Vegas, Boston e Chicago. Il metano sembra suscitare grande interesse soprattutto fra i responsabili delle flotte, attenti ad ottenere il massimo risparmio dalle vetture che hanno a disposizione. Il fatto è che negli Stati Uniti la benzina ha ormai raggiunto i 4 dollari al gallone (circa 0,75 euro/l), mentre il gas naturale sta mediamente sugli 1,93 dollari/gallone (0,36 euro/l circa).

INCENTIVI LOCALI PER IL METANO

Un ulteriore stimolo alla diffusione nordamericana dei veicoli a metano viene anche dall'aspetto ambientale, tema non secondario per un carburante che secondo l'ente di protezione ambientale americano (EPA) riduce dal 30 al 40% le emissioni di gas serra. In più il governo di Washington garantisce agli stati federali un fondo di incentivi pari a 300 milioni di dollari per le iniziative locali e la trasformazione delle vetture a metano. A titolo di confronto va ricordato che negli USA le stazioni di servizio che vendono metano sono quasi 1.000, contro i poco più di 800 distributori presenti in Italia.

Ford USA punta sul metano

Foto di: Fabio Gemelli