Anzi, da 0,9 l/100 km. Dopo quasi dieci anni dall'annuncio il sogno di Ferdinand Piech diventa realtà

Quello dell'auto da 1 litro per 100 km è un pallino di Ferdinand Piech che i1 numero 1 della Volkswagen dimostrò essere possibile guidando nel 2002 il prototipo "1-litre car" da Wolfsburg ad Amburgo in occasione dell'assemblea degli azionisti di quell'anno. Un decennio dopo, mantenendo fede alle promesse, l'idea di Piech è realtà: la Volkswagen XL1, l'evoluzione dei prototipi precedenti presentati nel 2002, nel 2009 e nel 2011 verrà commercializzata. Rimane ancora da conoscere la data di lancio ed il prezzo, che sarà verosimilmente piuttosto alto, vista la raffinatezza del progetto e dei materiali della XL1, che verrà prodotta artigianalmente su richiesta nello stabilimento ex Karmann di Osnabruck.

MEGLIO DEL PREVISTO: 0,9 L/100 KM

Il risultato del progetto XL1 è andato oltre le aspettative: consumerà solamente 0,9 l/100 km per emissioni di CO2 pari a 21 g/km, valori sinora raggiunti solo da prototipi usciti dai laboratori delle facoltà di ingegneria. Questo valore è stato ottenuto attraverso un'architettura ibrida plug-in che si compone di un piccolo motore bicilindrico Diesel da 800 cc la cui potenza massima è di 48 CV e di un motore elettrico da 27 CV. Il cambio è invece il DSG a 7 rapporti e nel peso di appena 795 kg sono incluse le batterie agli ioni di litio. Si tratta di un piccolo capolavoro di miniaturizzazione ed efficienza: la Volkswagen XL1 può percorrere fino a 50 km in modalità elettrica e quando il motore termico entra in funzione impiega appena 8,4 CV per viaggiare alla velocità costante di 100 km/h. La velocità massima di 160 km/h e un'accelerazione 0-100 km/h in 12,6 secondi sono le ottime prestazioni velocistiche della vettura più ecologica mai prodotta. L'autonomia totale è di circa 500 km mentre il serbatoio del gasolio misura solo 10 litri.

COME UNA POLO, O QUASI

Oltre al ridottissimo peso consentito dall'adozione di un telaio in fibra composita, il "segreto" della XL1 sta nell'aerodinamica che ripete la forma a goccia e le ruote posteriori carenate delle General Motors EV1 e della Honda Insight di prima generazione che furono commercializzate per breve tempo negli USA nella metà degli anni '90. L'attenzione a questo aspetto ha portato ad un risultato senza precedenti per una vettura che dovrà marciare sulle strade di tutti i giorni: il Cd pari a 0.189 ne fa l'auto stradale più aerodinamica di sempre. Le dimensioni sono simili a quelle di una Polo – è lunga 3,88 metri e larga 1, 66 metri – tranne che per l'altezza ridottissima di appena 1,15 metri. I due occupanti ammessi a bordo trovano comunque spazio in un'abitacolo che offre un'abitabilità nella media delle odierne e tradizionali compatte. Mentre sulla 1-Litre Car presentata nel 2002 e sulla L1 del 2009 il guidatore e il passeggero erano ancora seduti uno dietro l’altro per favorire la migliore aerodinamica, i due occupanti della XL1 siedono infatti ora l’uno accanto all’altro, come solitamente accade su una normale auto anche se con una disposizione dei sedili leggermente sfalsata.

Venduta la prima auto che fa 100 km con 1 litro