Le trattative sono aperte. Lo dice un manager tedesco

Un anno fa l'Alleanza Renault-Nissan e Daimler AG siglavano un'intesa (con tanto di scambio azionario) per rafforzare la loro competitività nel segmento delle auto piccole e compatte, riducendo i consumi di CO2. Al centro della ricerca congiunta c'è l'auto elettrica, oltre che tutta una serie di scambi di motorizzazioni e piattaforme, ma ora dal Salone di Shanghai Thomas Weber, responsabile dello sviluppo prodotto Mercedes e smart, parla anche di Fuel Cell.

La tedesca Daimler, secondo quanto dichiarato dal manager alla Reuters, sta cercando di convincere i propri partner a dedicare tempo e risorse economiche ai sistemi di celle a combustibile, ora utilizzati per alimentare ad esempio le Mercedes Classe B F-Cell o l'autobus Citaro FuelCell Hybrid. "Questa tecnologia è strettamente connessa alla trazione elettrica - ha detto Weber -. Pertanto ha senso che venga studiata unendo le forze". Un lavoro congiunto che potrebbe aiutare Daimler a promuovere la Mercedes Classe B F-Cell. Il costruttore tedesco si è infatti impegnato molto per lanciare e sviluppare questa tecnologia ed ha scommesso in maniera diretta nella realizzazione di una prima rete di distributori di idrogeno, in collaborazione con le autorità locali della California e delle città di Amburgo e Stoccarda.

Fotogallery: Il Giappone scommette sull'idrogeno