Debutta al Salone di Mosca la versione di serie della Security Plus

Oltre 200 colpi da arma da fuoco e neanche un vetro rotto, o quasi… La BMW X5 blindata è pronta per il debutto al Salone di Mosca, in programma dal 27 agosto al 7 settembre. Anticipata con una concept l’anno scorso a Francoforte, la X5 Security Plus di serie è ovviamente riservata ad un gruppo ristrettissimo di clienti. Difficilmente diventerà un’auto blu italiana (troppo cara) o del Vaticano (visto che Papa Francesco ha rinunciato a simili protezioni), ma nel resto del mondo c’è chi la attende perché riesce a resistere ad armi militari, frammenti di granate e ad altri esplosivi. La X5 Security Plus è la terza X5 blindata della storia del modello ed è nata a Monaco, anche se viene costruita negli USA e attrezzata in Messico.


A spingerla è un V8 TwinPower Turbo benzina 4.4 litri da 450 CV e 650 N m di coppia, le cui prestazioni in dettaglio non sono state dichiarate (per reggere tanto peso sono state apportate delle modifiche). Tuttavia lo stesso motore fa scattare la X5 xDrive50i da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi e le fa toccare una velocità massima (limitata) di 250 km/h. E’ ovvio però che quando si parla di un’auto blindata non sono tanto questi i valori più eccitanti, meglio i dettagli. Ad esempio, i vetri di sicurezza che resistono ai colpi di arma da fuoco hanno un rivestimento in policarbonato che protegge i passeggeri da eventuali schegge e le fiancate non le sfonda neanche un AK47, il fucile più diffuso al mondo! E poi anche questa BMW si può personalizzare. Tra gli optional ci sono LED anteriori aggiuntivi o sirene…

BMW presenta in Russia la X5 che non teme i Kalashnikov

Foto di: Eleonora Lilli