Nelle fabbriche Fiat non si lavora, mancano i componenti

Lo sciopero dei Tir che sta paralizzando l'Italia ferma anche le fabbriche Fiat. Proprio nella prima settimana di lancio della nuova Panda (lo spot è in onda da Domenica) la linea di assemblaggio a Pomigliano d'Arco (Napoli) è stata costretta a fermarsi perché non arrivano i componenti necessari per produrla. E non si tratta di una situazione isolata. Lo stesso problema ha fermato la produzione anche a Melfi, Cassino, Mirafiori e Sevel dei diversi modelli del Gruppo Fiat.

Inizialmente doveva trattarsi di un blocco circoscritto al solo primo turno di lavoro, quello della mattina, ma già dopo poco è stato chiaro che i lavoratori non potevano tornare all'opera neanche al secondo turno. Un danno ancora da quantificare per l'azienda torinese, che non è al momento in grado di stimare quando gli stabilimenti potranno riprendere l'attività. E, ironia della sorte, proprio oggi i lavoratori delle Carrozzerie di Mirafiori in cassa integrazione straordinaria avrebbero dovuto ricominciare.

Fiat Panda, si ferma ancora la produzione

Foto di: Eleonora Lilli