Entro il 2018 Volkswagen diventerà il costruttore con emissioni medie più basse del mondo. Ad annunciarlo al Salone di Ginevra è stato il presidente Martin Winterkorn: "Il Gruppo Volkswagen, entro il 2020, vuole ridurre le emissioni di CO2 della propria flotta europea di veicoli nuovi a 95 g/km. Questo dato equivale a ottenere consumi inferiori a 4 litri per 100 km in tutti i segmenti e le classi. Un’impresa a dir poco straordinaria, che impegnerà totalmente i nostri 40.000 progettisti. Ma possiamo farcela", ha promesso il numero 1 del Gruppo di Wolfsburg che destinerà più di due terzi dei 50,2 miliardi di euro degli investimenti complessivi pianificati entro il 2015 allo sviluppo di tecnologie, di sistemi di trazione e di mezzi sempre più efficienti, oltre che al sostegno di processi produttivi all’insegna della massima eco-compatibilità.

Già oggi il Gruppo Volkswagen offre 245 veicoli con emissioni di CO2 inferiori a 120 g/km, ben il 60% in più rispetto a due anni fa. Sono 36 i modelli quelli con emissioni di CO2 sotto i 100 g/km, quasi il 40% in più del 2011. Il ruolo di portabandiera della svolta "green" del costruttore tedesco spetta di diritto alla Volkswgen XL1, un progetto che ha impegnato i reparti R&D per oltre dieci anni e che alla fine dell'anno diventerà la vettura prodotta in serie ed omologato per l'uso stradale più ecocompatibile del mondo, con un consumo di soli 0,9 l/100 km ed emissioni di CO2 pari ad appena 21 g/km.

Fotogallery: Venduta la prima auto che fa 100 km con 1 litro