L'erede della G37 è il primo modello a beneficiare dell'alleanza con Daimler. Sotto il cofano c'è il 2,2 litri turbodiesel da 170 CV di Stoccarda

La berlina Infiniti Q5, che andrà a sostituire la precedente G37, debutta all'83esimo Salone di Ginevra come primo modello della nuova gamma a beneficiare dell'accordo di cooperazione tra l'Alleanza Nissan-Renault e Daimler stipulato nel 2 anche per la fornitura di propulsori tedeschi al marchio premium giapponese. Il modello destinato all'Europa sarà infatti equipaggiato e commercializzato con l'unità Mercedes 4 cilindri 2.2 litri da 7CV e una coppia massima di 4 Nm che già equipaggia molti modelli della Casa di Stoccarda, compresa la pari categoria Classe C.

La Infiniti Q5 Diesel ha un tempo di accelerazione da a km/h inferiore ai 9 secondi e consuma 4,4 l/ km nel ciclo di omologazione medio, corrispondente a 5 g/km in emissioni di CO2. A Ginevra la Casa giapponese ha presentato inoltra la nuova Infiniti Q5 Hybrid, spinta da propulsore ibrido da 3,5 litri e 364 CV che già equipaggia la sorella maggiore M35h che sarà ribattezzata Q7 seguendo la nuova nomenclatura varata da Infiniti proprio con la Q5. La Infiniti Q5 accelera da a km/h in appena 5,5 secondi con emissioni medie stimate di appena 45 g/km. Il lancio commerciale in Europa di entrambe le versioni è previsto per l'autunno.

Infiniti Q50 Diesel

Foto di: Daniele Pizzo