Secondo uno studio EuroTEST condotto in 14 Paesi europei dagli Automobile Club in collaborazione con la Croce Rossa, il 93% degli automobilisti italiani in caso di stradale non saprebbe soccorrere un ferito: solo il 14% degli intervistati nel nostro Paese ha risposto correttamente su come la prima cosa da fare sia mettere in sicurezza il luogo dell’incidente. Il 61,5% non ha mai seguito un corso di primo soccorso e il 10,4% ha ricevuto qualche nozione solo per il fatto di aver conseguito la patente di guida. Eppure saper intervenire saprebbe importantissimo: la metà dei decessi nei sinistri stradali avviene entro pochi minuti dall’incidente, quindi è fondamentale saper intervenire con alcuni accorgimenti prima dell’arrivo del personale medico.

Nonostante il 62,3% degli automobilisti si dichiari in grado di intervenire, il 97,5% non conosce pienamente le procedure da seguire (è la percentuale più alta in Europa); l’85,5% non sa che il numero europeo di emergenza è il 112; il 93,4% non riesce ad accertare le condizioni della vittima; il 90,8% non sa cosa fare se il ferito è incosciente e non respira; il 98,7% si blocca in presenza di gravi ferite e sanguinamenti. In un’esercitazione pratica il 92,1% non riesce a porre la vittima nella posizione di sicurezza (ed anche in questo siamo tristemente primi in Europa) e l’85,5% non sa come eseguire il massaggio cardiaco e la respirazione artificiale. All’estero comunque il quadro non è molto differente: in Europa 2 automobilisti su 3 si dichiara pronto ad intervenire ma poi, nei fatti solo il 18% sa cosa fare, però il 68% ha seguito un corso di primo soccorso.