Sarà prodotta se piacerà ai visitatori del Salone di Ginevra

Il gruppo Jaguar Land Rover sfrutta un palcoscenico importante come il Salone di Ginevra (8-18 marzo) per misurare il gradimento del pubblico europeo verso una possibile variante cabriolet della sua Range Rover Evoque. Per farlo utilizza una proposta di stile denominata Range Rover Evoque Convertible Concept, versione con capote apribile della carrozzeria a 3 porte. Potrebbe sembrare l'idea di un tuner in vena di pubblicità, in realtà si tratta di una proposta ufficiale della Casa inglese che utilizza la stessa strategia di "ricerca di mercato" già applicata con le DC100 Concept e DC100 Sport.

La versione con tetto apribile in tela sarebbe il perfetto coronamento di una gamma Evoque che vede già a listino le versioni 3 e 5 porte e che ha fatto segnare un boom di ordini con pochi precedenti. Se secondo i tecnici inglesi per la produzione in serie della Range Rover Evoque Convertibile sarebbero necessari circa 2 anni di sviluppo e irrigidimenti aggiuntivi che elevano il peso complessivo di 75 kg. La vettura andrebbe a inaugurare la nicchia di mercato delle SUV compatte premium cabriolet, tipologia proposta per la prima volta, ma in scala più grande, dalla Nissan Murano CrossCabriolet. La quattro posti scoperta visibile al Palexpo ha un sistema di sicurezza antiribaltamento con roll-bar a scomparsa e una copertura posteriore sagomata per l'alloggiamento della capote ripiegata. La Range Rover Evoque Convertible Concept è caratterizzata da una verniciatura metallizzata Causeway Grey e dai cerchi in lega Titan da 21 pollici di diametro. Per sapere se il "SUV senza tetto" avrà un futuro produttivo occorrerà attendere almeno fino all'apertura del Salone.

Range Rover Evoque Convertible Concept

Foto di: Fabio Gemelli