Dopo due anni dalla presentazione, la versione definitiva è pronta a sfrecciare a 338 km/h

I lettori più attenti forse ricordano questo nome: Vencer Sarthe. Lo abbiamo scritto per la prima volta nel 2012 quando il costruttore indipendente olandese ha mostrato le immagini della supercar che avrebbe dovuto mettere in vendita di lì a poco. Dal prototipo alla versione definitiva però sono passati due anni e le modifiche al progetto sono state più di cento. La Sarthe 2015 ha un nuovo cofano motore, 112 cavalli in più (per un totale di 622) e scatta da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi ovvero in 2 decimi in meno rispetto al prototipo. Così l’olandese, che deve il suo nome al Circuit de la Sarthe, arriva a 338 km/h.


La Sarthe 2015 pesa 1.390 kg, distribuiti al 45% all'anteriore e al 55% al posteriore, ed ha un’aerodinamica completamente rivisitata. Frontalmente ci sono nuovi splitter e dietro c’è un alettone dinamico che contribuisce ad ancorarla a terra trattenendo la spinta dell’otto cilindri da 6.3 litri con compressore volumetrico. Trattandosi di un’auto unica è costruita attorno ad un telaio realizzato ad hoc e a bordo trae ispirazione dalle supercar più conosciute. C’è tanta pelle, Alcantara e fibra di carbonio, come siamo abituati a vedere, e la lavorazione della plancia ricorda quella di marchi noti come Lamborghini. Stando al costruttore ne verrà assemblata una al mese per un prezzo vicino ai 270 mila euro, tasse escluse...

Vencer Sarthe, l’olandese da 270 mila euro (tasse escluse)

Foto di: Eleonora Lilli