Dal 16 al 27 ottobre a Pomigliano d’Arco partirà un periodo di otto giorni di cassa integrazione ordinaria

Si producono più Fiat Panda di quante se ne riescano a vendere. Nonostante questa sia l’auto più popolare in Italia, la crisi delle immatricolazioni nel nostro paese e la flessione della domanda in altri paesi d’Europa ha costretto l’azienda a sospendere la catena di montaggio nello stabilimento di Pomigliano d’Arco (Napoli). La cassa integrazione ordinaria scatterà dal 6 al 27 ottobre; ma già da aprile .95 lavoratori su 4.5 hanno il contratto di solidarietà (ovvero per evitare licenziamenti hanno uno stipendio ridotto a fronte di meno ore lavorative).


Il segretario generale Fim-Cisl Napoli, Giuseppe Terracciano, ha dato l’annuncio subito dopo l’incontro con i vertici aziendali ed il responsabile dell’automotive della Fim di Napoli, Raffaele Apetino, ha sottolineato che questa non può essere “la” soluzione. L’appello dei sindacati è rivolto al governo, affinché intervenga per risollevare un settore ormai in profonda crisi. La commercializzazione della nuova Fiat Panda Cross assume quindi una valenza molto importante per il costruttore. Potrebbe risollevare le vendite, ma certo per superare l’ostacolo occorre che l’economia nazionale riparta.



Fiat Panda .2 benzina: prova su strada auto più amata dagli italiani




La Fiat Panda è sempre stata nel cuore degli italiani, ma da qualche mese è diventata a tutti gli effetti l'auto più venduta in Italia. Un po' per la crisi, che spinge a comprare auto più economiche e un po' perché le "macchine piccole" non sono più solo adatte per essere usate solo in città... .

Fiat Panda, si ferma ancora la produzione