L'assenza del montante centrale regala un senso di libertà

Un grande senso di libertà. Salire a bordo della nuova Ford B-Max è come accomodarsi su un divano. Questo è vero soprattutto per i sedili posteriori, dove l'assenza del montante centrale costituisce un'autentica differenza rispetto a quanto siamo abituati. Può sembrare un dettaglio trascurabile, ma quando la incontriamo al Salone di Ginevra, subito dopo la presentazione stampa, abbiamo la conferma che il lavoro degli ingegneri Ford ha fatto centro. Alan Mullaly, Presidente e CEO Ford, ha detto che questa scelta è dipesa dalle richieste dei clienti, che volevano maggiore praticità, ed in effetti la multispazio compatta americana risponde bene a questo tipo di esigenza.

Quando la portiera scorrevole e quella tradizionale restano aperte chi è seduto sul sedile posteriore ha una nuova percezione dell'abitacolo e si sente molto più a contatto con la realtà circostante, quasi come se si trovasse a bordo di una moto (ovviamente non in marcia!). Da un punto di vista pratico invece questa soluzione offre un accesso all'abitacolo molto semplificato. Se immaginiamo di dover montare un seggiolino intuiamo subito che l'operazione non richiede particolari sforzi e le portiere anteriori e posteriori possono essere aperte o chiuse in maniera indipendente l'una dall'altra. Chiudendole tutte invece la nuova Ford B-Max torna ad essere una multispazio pratica e razionale che al posto di guida offre una buona visibilità.

Ford B-Max, benvenuti a bordo

Foto di: Eleonora Lilli