La familiare bifuel arriva in Italia con il 1.4 turbo 110 CV e un appetibile prezzo di lancio

L’arrivo nelle concesionarie italiane della Skoda Octavia G-TEC segna il completamento del poker di auto compatte a metano iniziato dal gruppo Volkswagen con la Golf TGI, la Seat Leon TGI e l’Audi g-Tron. La segmento C ceca con carrozzeria Wagon, doppia alimentazione e allestimento Ambition (cerchi in lega da 16”, radio e Climatronic, volante multifunzione in pelle, Cruise Control e 7 airbag) ha un prezzo di lancio di 19.900 euro che la rende ancora più abbordabile rispetto alle sorelle che utilizzano il motore 1.4 TSI a gas naturale; l’offerta risulta particolarmente interessante tenuto conto che il prezzo di listino è pari a 23.320 euro e che aggiungendo circa 700 euro ai 19.900 della Ambition è possibile mettersi in garage la più accessoriata versione Executive con con navigatore e connessione Bluetooth.


Oltre ad una spesa di viaggio che la Casa valuta in 3,50 euro di metano per 100 km, la nuova Skoda Octavia G-TEC, con carrozzeria berlina o Wagon, promette l’abitabilità e la capacità di carico che i clienti delle precedenti Octavia già conoscono. Per la seconda Skoda a metano, dopo la Citigo, entra in scena l’ormai nota motorizzazione 1.4 turbo benzina/metano da 110 CV che sulla Octavia Wagon G-TEC permette di consumare in media 5,3 kg/100 km e di sfoggiare un’autonomia complessiva di 1.330 km (410 km a metano + 920 km a benzina). Al momento non è prevista la versione con cambio automatico DSG, ma fra i numerosi optional disponibili si può scegliere il cruise control adattivo (680 euro), i fari adattivi bi-xeno (1.150 euro), la digital radio (110 euro) e il Lane Assistant per il mantenimento del veicolo in corsia.

Skoda Octavia Wagon G-TEC, con il metano è ancora più razionale