Una è chic, l'altra quasi rude. Entrambe hanno forti personalità

Se vi capita, provate a sottoporre a un'amica o a un amico (rigorosamente non appassionato di auto, altrimenti non vale) le foto di Jeep Renegade e Fiat 500X; chiedete loro, successivamente, cosa accomuna le due auto. Solo i più informati sulla finanza mondiale potrebbero rispondere: "Marchionne", ovvero l'appartenenza delle due vetture allo stesso Gruppo automobilistico, vale a dire FCA (Fiat Chrysler Automobiles). Tutti gli altri vi risponderanno con sicurezza: "nulla".


Invece, sotto le due sorelle – o cugine se preferite – si cela la stessa piattaforma; derivata peraltro da quella della Fiat 500L. Miracolo? Scandalo? No. Semplicemente, così fan tutti. I pianali si prestano agli usi più disparati e per automobili apparentemente agli antipodi. Capita dunque di guardare la Fiat 500X, poi volgere lo sguardo alla ben più "rude" Jeep Renegade nello stand accanto in questo Salone di Parigi e pensare che l'una sia il giorno e l'altra la notte (a voi la scelta). Dove l'italiana presenta rotondità – quasi – da coupé, l'americana (che nasce comunque in Italia, più precisamente a Melfi) opta per spigoli e linee rette. Se all'italiana piace mostrare i muscoli, ma con discrezione, all'americana non fa difetto la voglia di apparire, per come è definita nei volumi. Insomma, più diverse non potrebbero essere, 500X e Renegade.

Fiat 500X, la "pizza" fatta automobile

Foto di: Giuliano Daniele