La Captur batte sul tempo la rivale Peugeot 2008 e sfida tutti i SUV da città con prezzi a partire da 15.950 euro

E’ una guerra senza esclusione di colpi, quella che si sta combattendo nella categoria dei piccoli SUV che si apprestano ad invadere le città. Tradotto: il segmento dei crossover urbani è in forte in crescita, nonostante il perdurare della crisi. E tornando al gergo militare, si registra che a “vincere” una prima battaglia è la Renault Captur, appena arrivata sul mercato per battere sul tempo la sua principale rivale: la connazionale francese Peugeot 28 (commercializzata da fine maggio). Il tutto con un listino prezzi che parte dai 5.95 euro della motorizzazione a benzina 9 Tce da 9 CV in allestimento Wave, fino ad arrivare ai 2.5 euro del turbodiesel .5 dCi da 9 CV con cambio doppia frizione EDC. Dopo averla già provata su strada proviamo a mettere a confronto la Captur con la 28 e le altre concorrenti che ormai affollano il segmento dei piccoli SUV da città.

TRE MOTORI, TRE ALLESTIMENTI

L’offerta del SUV derivato dalla Clio prevede tre motori (benzina 9 Tce 9 CV e .2 Tce 2 CV, turbodiesel .5 dCi 9 CV), declinati su tre allestimenti (Wave, Live, Energy). La versione d’accesso della gamma a gasolio parte da un prezzo di 7.6 euro, mentre la motorizzazione a benzina più potente è disponibile a partire da 2.55 euro solo con il livello di finitura più completo (Energy) e in abbinamento al cambio doppia-frizione EDC. La trasmissione automatica si può avere anche con il turbodiesel in allestimento Energy al prezzo di 2.5 euro.

LE DOTAZIONI DI SERIE

Già a partire dalla versione Wave fra le principali dotazioni di serie ci sono ESP, airbag frontali, laterali e a tendina, alzacristalli anteriori e posteriori elettrici, climatizzatore manuale, Cruise Control, fari diurni a LED, volante regolabile in altezza e profondità, Radio CD Mp3 USB e Bluetooth® e tecnologia Stop&Start. Salendo alla versione Live si ha diritto anche ai fari fendinebbia, all’’Easy Access System per avviamento motore ed apertura e chiusura porte con sistema Keyless, ai cerchi in lega 6”, al volante in pelle, alla radio MP3-USB-Bluetooth® con comandi al volante e, in opzione (3 euro), al navigatore Smart Nav con schermo touch da 7’’. Sul top di gamma Energy le dotazioni di serie si arricchiscono con i cerchi in lega da 7’’e con il sistema multimediale di infotainment R-Link, un touchscreen da 7” connesso al computer di bordo del veicolo e ad internet grazie alle App dell’apposito R-Link Store, da dove si possono gestire e-mail, Renault Tweet, Meteo, Renault Assistance, Servizi LIVE, COYOTE Series, Giochi da viaggio, R-Sound Effect, navigatore TomTom®, comandi vocali, Eco System2, clima automatico con Air Quality System).

LA CAPTUR E LE RIVALI

In Italia in meno di quattro anni i volumi di vendita dei SUV piccoli e compatti sono raddoppiati raggiungendo le . unità del 22, su un totale di ,4 milioni di veicoli immatricolati, oltrepassando cioè il 7% dell’intero mercato automobilistico. I primi tre mesi del 23 hanno confermando questa tendenza di crescita superando il 9% del mercato totale e proiettandosi verso l’obiettivo di vendere in Italia 3. piccoli SUV entro la fine dell’anno. Un fenomeno notevole, insomma, alimentato dalle novità di quella categoria di SUV urbani esplorata per prima da Fiat con il crossover Sedici e conquistata in seguito dalla Nissan Juke, che ha fatto suo il grande consenso della sorella maggiore Qashqai. Ma oltre che con la Peugeot 28, la Renault Captur si confronta anche con la Chevrolet Trax (di cui abbiamo realizzato una video-prova) e con la cugina tedesca Opel Mokka, con la economica e pragmatica Dacia Duster, con la consolidata Skoda Yeti e con la veterana Toyota Urban Cruiser. In futuro saranno della partita anche la Ford EcoSport e la Suzuki SX4 S-Cross, in attesa del duo italo-americano Fiat 5X - gemella marchiata Jeep, alternative di fascia premium della MINI Countryman.

Renault Captur, a maggio in promozione

Foto di: Fabio Gemelli