La giapponese si ridimensiona e con i 1.6 benzina e diesel diventa più efficiente. In vendita dal 2015 con 2 o 4 ruote motrici

La nuova Suzuki Vitara è arrivata alla quarta generazione per ridurre le dimensioni e rafforzare il suo ruolo di SUV compatto dallo spiccato spirito offroad. Il sistema a quattro ruote motrici ALLGRIP e l’evoluzione di uno stile che prende spunto da Jimny, S-Cross e le Vitara delle serie precedenti contribuiscono ad aggiornare l’offerta della Casa giapponese nel combattuto segmento delle Sport Utility, puntando anche sulle dotazioni di bordo e sulla riduzione dei consumi ottenuti con i nuovi motori 1.6 benzina e diesel. Presentata al Salone di Parigi (4-19 ottobre 2014) e prodotta nello stabilimento ungherese Magyar Suzuki, la nuova vitara sarà in vendita in Europa nei primi mesi del 2015.


Stile moderno e look bicolore


Le forme esterne della nuova Suzuki Vitara, che misura 4.175 x 1.775 x 1.610 mm, non tradiscono la tradizione del modello, con il cofano a conchiglia, il paraurti anteriore trapezoidale e una più attenta progettazione aerodinamica che si sposano con il sottoscocca piatto e con i fari a LED con cover blu. Per la prima volta la Vitara può anche avere finiture bicolori con cui personalizzarne il look utilizzando le tinte Atlantis Turquoise Pearl Metallic, Horizon Orange Metallic e Savannah Ivory Metallic. Con il KIT Urban si possono aggiungere varie finiture cromate esterne. Dentro alla nuova Vitara si possono apprezzare la plancia rinnovata con bocchette dell’aria circolari, strumentazione specifica e la console centrale sagomata ad U attorno alla leva del cambio. Il bagagliaio ha una capacità di 375 litri con il sedile posteriore in posizione verticale.


120 CV per il 1.6 benzina e diesel


I motori disponibili su Vitara sono i 1.6 benzina e diesel, entrambi con 120 CV e livelli di coppia massima rispettivamente di 156 e 320 Nm. Entrambi sono disponibili in abbinamento alla trazione integrale ALLGRIP o alla trazione anteriore, con cambio manuale 5 marce per il benzina e 6 marce per il diesel. La nuova Vitara benzina 1.6 può però montare anche il cambio automatico a 6 velocità con modalità manuale e paddle al volante. L’efficienza dei due nuovi propulsori è confermata dai livelli di emissione di CO2, limitati a 106 g/km per il diesel sei marce 2WD e 123 g/km per il benzina due ruote motrici manuale.


Integrale ALLGRIP a quattro modalità


Le Vitara dotate di trazione integrale ALLGRIP di nuova generazione possono fare affidamento su quattro modalità di guida selezionabili e sull’inedita funzione Feedforward che in base al comportamento della vettura ed ai parametri di guida (acceleratore, sterzo, ..) stima la possibilità di slittamenti nel prosieguo delle guida. La modalità Auto è pensata per contenere i consumi e utilizzare la trazione anteriore per passare a quella integrale solo in caso di necessità, la Sport sfrutta al massimo il sistema 4x4, la Snow è per strade innevate e sterrate, mentre la Lock prevede lo slittamento limitato dei differenziali per districare l'auto dalla neve, dal fango o dalla sabbia. Le sospensioni prevedono un MacPherson davanti e un barra di torsione con sezione a “U” chiusa al posteriore, mentre i quattro freni a disco hanno elementi ventilati all’anteriore.


Frena da sola per evitare i tamponamenti


Fra i nuovi sistemi di sicurezza e ausili alla guida della nuova Vitara si segnalano in particolare il Radar Brake System che monitora le possibilità di collisione frontale, ne segnala il pericolo e se necessario frena automaticamente a bassa velocità per evitare tamponamenti o ridurne gli effetti. Oltre ai sette airbag la Suzuki Vitara può montare il cruise control adattivo, il grande tetto apribile panoramico con una luce libera di 560 mm e il sistema audio con touchscreen da 7” utilizzabile anche coi guanti, navigatore 3D e connettività con lo smartphone.

Nuova Suzuki Vitara, l'evoluzione del SUV

Foto di: Fabio Gemelli