L’elettrificazione delle Rosse sarà di serie. Possibile anche l'arrivo del 6 cilindri

Il motore V12 Ferrari diventerà ibrido. A ribadire la strada dell'elettrificazione delle sportive di Maranello è Amedeo Felisa, che a due anni dall'annuncio del progetto HY-KERS conferma agli inglesi di Autocar la volontà di ridurre in questo modo le emissioni di CO2 dell'intera gamma Ferrari. L'amministratore delegato della Casa del Cavallino parla di un sistema ibrido pensato per migliorare l'efficienza del V12 Ferrari, non per aumentarne la potenza. "Si tratta di una tecnologia costosa - dice Felisa -, ma la strada è aperta e l'evoluzione dei sistemi permetterà di ridurre costi e svantaggi di peso".

ANTEPRIMA SULLA NUOVA "ENZO"

Gli ultimi dati ufficiali riguardo a questo sistema risalgono al 2010, quando fu presentata la Ferrari Ferrari HY-KERS, una 599 GTB con motore elettrico ausiliario al retrotreno da 109 CV e 100 kg, ma è facile prevedere che il V12 ibrido di serie sarà di tipo più evoluto. Voci insistenti parlano di un debutto del V12 ibrido montato in posizione centrale sulla nuova Ferrari Enzo. La nuova gamma ibrida di Ferrari, probabilmente completa a partire dal 2015, servirà a ridurre il livello medio di emissioni di CO2 della Casa modenese in vista delle sempre più stringenti normative europee in merito e costituirà una risposta alla futuribile tecnologia della Porsche 918.

PERCHE' NON UN 6 CILINDRI?

L'AD Ferrari non fa previsioni sulla data di arrivo del sistema ibrido Ferrari, ma parla di una tecnologia che interesserà l'intera gamma come dispositivo di serie. Per un contenimento ulteriore delle emissioni di CO2 Felisa si spinge addirittura a ipotizzare una Ferrari a 6 cilindri, possibile ricaduta industriale delle scelte motoristiche che dal 2014 interesseranno la Formula 1. Il CEO di Maranello parla di un "futuro lontano" e della necessità di valutare una nuova percezione del pubblico che "è cambiata anche negli USA, dove fino a pochi anni fa l'8 cilindri era considerato irrinunciabile".

Ferrari Blue NART, l'americana da 2,5 milioni è già sold out

Foto di: Eleonora Lilli