Per l'Adoc: "oggi il pieno costa 14 euro in più"

Si avvicinano le vacanze pasquali, ma quelle di questa primavera 2012 saranno un "lusso" che in pochi si potranno permettere. Solo il 29% degli italiani, secondo l'associazione dei consumatori Adoc, che ha stimato che a frenare la voglia di relax c'è il livello dei prezzi dei carburanti, che ormai orbita intorno ai 2 euro al litro per la benzina. Secondo l'Adoc oggi il pieno costa mediamente 14 euro in più rispetto allo scorso anno.

"Circa 7 italiani su 10 rimarranno a casa per le vacanze di Pasqua, a pesare sono il caro carburanti e i rincari per servizi e ristorazione - spiega Carlo Pileri, Presidente dell'Adoc - la crisi ha messo in ginocchio le famiglie, basti pensare che tra i partenti ben il 56% starà fuori solo una notte, mentre il 26% farà solo una gita di un giorno, soprattutto a Pasquetta, quando a muoversi sarà il 41% degli italiani. Ad incidere profondamente sulle decisioni dei consumatori è il caro carburanti: rispetto alla scorsa Pasqua si spendono 14 euro in più per un pieno di benzina, un rincaro pari al 18%.