La Nissan Leaf è quasi riuscita nell’impresa di superare la regina del mercato: ecco dove

In tutt’Italia nel 22 sono state vendute 52 automobili elettriche, che su un totale di circa ,4 milioni di vetture immatricolate rappresentano una quota pari allo ,4%. Vero è che, mettendo a confronto questi numeri con i risultati del 2, si vede come i volumi di vendita siano più che raddoppiati: si parla di un +7,49%, visto che si partiva da 35 veicoli venduti. Ma non si può certo paragonare la penetrazione di mercato delle auto a zero emissioni ZEV (Zero Emission Vehicle) con best seller del calibro della Fiat Panda, l’auto più venduta in Italia con 7.775 veicoli venduti, o della Volkswagen Golf, che in Europa ha convinto 43.742 clienti. E nemmeno gli incentivi auto concessi dal governo Monti per il 23 hanno cambiato lo scenario, visto che in pratica sono terminati ancor prima di iniziare. Eppure c’è un’auto elettrica che è riuscita a vendere quasi come la Golf, proprio lei, la regina del mercato. È successo in Norvegia, dove la Nissan Leaf si è piazzata seconda nella classifica di vendite di aprile, alle spalle della compatta tedesca.

Dall’inizio della commercializzazione 8 mesi fa, nel Paese scandinavo sono stati consegnati più di 4.5 veicoli a zero emissioni. Da diversi anni, in effetti, la Norvegia incentiva la diffusione delle vetture elettriche con agevolazioni di tipo fiscale e facilitazioni legate all’uso pratico dell’auto (come l’eliminazione dell'IVA sull'acquisto, la creazione di parcheggi dedicati e l'apertura delle corsie riservate agli autobus), rendendo di fatto più conveniente per un cittadino acquistare un veicolo ZEV, come spiega il Commissario per l’ambiente e i trasporti di Oslo nel video in inglese che vi proponiamo. Nella capitale norvegese, peraltro, abbiamo da poco guidato su strada proprio la seconda generazione della Nissan Leaf, che grazie a più di modifiche “va più lontano” rispetto al modello precedente: le batterie hanno guadagnato 2 km di automia, promettendo ora di percorrere 99 km tra una ricarica e l’altra. Per i prossimi 4 anni si prevede un forte incremento nella diffusione delle auto elettriche in città, motivo per cui il comune di Oslo ha già deciso di portare da a 2 le nuove stazioni di ricarica da realizzare ogni anno.

Auto elettriche, da che parte sta la storia?