La compatta francese rilancia la sfida nella categoria della Volkswagen Golf con un look a metà fra la 208 e la 2008 e interni che guardano alle auto più lussuose

E’ la risposta francese alla regina della categoria di auto più importante d’Europa (medie compatte di segmento C): la Volkswagen Golf. Che, tra l’altro, è anche la “macchina” più venduta del Vecchio Continente e che ora ha nella nuova Peugeot 38 una rivale in più. La compatta 2 volumi del marchio del Leone si rinnova profondamente, a cominciare dall’adozione della piattaforma modulare EMP2 che le permette di risparmiare 4 kg di peso, con benefici effetti sulla dinamica di guida e sulla riduzione delle emissioni. Con la nuova Peugeot 38, infatti, il costruttore transalpino propone una versione ecologica che dichiara 85 g/km di CO2. Ma per battere la concorrenza la nuova 38 è cambiata anche nell’aspetto esterno, che sposa un design sobrio che è po’ un incrocio tra le Peugeot 58 e 28, per piacere alla più ampia fascia di pubblico possibile. E nell’abitacolo, che ora promette una superiore qualità dei rivestimenti e dei materiali, oltre che una rinnovata disposizione dei comandi, come nel caso del sistema Peugeot i-cockpit.

DESIGN UNIVERSALE

La nuova Peugeot 38 mantiene dimensioni tipiche del segmento C a cui appartiene, tenendo fede alla formula hatchback della carrozzeria. Il corpo vettura ha una lunghezza di 4,25 metri ed è alto ,46 metri, per offRire una maggiore abitabilità e più spazio per i bagagli. Il vano di carico ora ha capacità minima di 47 litri. Per quanto riguarda invece il look della nuova 38, il team guidato dal direttore del design Peugeot, Gilles Vidal, fa affidamento sulla combinazione tra compattezza ed equilibrio delle proporzioni. Il frontale, poi, fa uso di proiettori full LED anche per dare carattere stilistico alla vettura. Per la prima volta nella categoria, anche se sull’allestimento più ricco, fanno parte delle dotazioni di serie. In coda la nuova 38 mostra invece nei fari a LED tre “artigli”, che danno un tocco hi-tech a tutto l’aspetto esterno.

INTERNO "PULITO"

Nell’abitacolo, la nuova Peugeot 38 ripropone il volante di piccolo diametro che si è già visto sulla sorella minore Peugeot 28, offrendo in più anche la funzione di head-up display, che proietta sul parabrezza le informazioni della strumentazione più utili durante la guida. Al centro della consolle c’è poi uno schermo da 9,7 pollici con funzione touchscreen, che raggruppa praticamente tutti i comandi secondari all’interno di una cornice poligonale alle cui estremità si trovano le bocchette della climatizzazione. Ciò ha permesso ai designer di dare alla plancia un aspetto molto pulito. Per quanto riguarda le doti stradali, la nuova Peugeot 38 abbina al nuovo pianale modulare EMP2, di 4 kg più leggero rispetto alla precedente 38, anche tarature di sterzo e sospensioni sportiveggianti e diversi dispositivi di assistenza alla guida.

IN VENDITA DOPO FRANCOFORTE

La nuova Peugeot 38 è prodotta in Francia, nello stabilimento di Sochaux, città di origine del marchio del Leone, mentre i componenti per da assemblare, i propulsori e le trasmissioni provengono dai siti di Trémery e Douvrin. Il primo appuntamento tra la nuova 38 e il pubblico è fissato per il prossimo Salone di Francoforte, il di settembre. La commercializzazione per l’Europa, infine, inizierà in autunno con prezzi, motorizzazioni e gamma a quel punto definiti.

Nuova Peugeot 308, perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Foto di: Andrea Farina