Ratan Tata la vuole pronta entro il 2012

Dall'India agli Stati Uniti, passando per l'Europa. La Tata NANO, l'auto più economica del mondo, è determinata ad imporsi su tutti i principali mercati del mondo, che indeboliti dalla crisi delle immatricolazioni sembrano una facile preda a chi vanta un prezzo d'attacco inferiore ai 1.500 euro. Le previsioni di vendita in India, dove la NANO ha debuttato lunedì, sono talmente alte che è stato deciso di assegnare le prime 100.000 unità attraverso una lotteria e lo stesso successo è atteso nel nstro Continente per la NANO Europa che arriverà nel 2011. E per il 2012 Ratan Tata, il patron del Gruppo indiano proprietario di Jaguar Land Rover, vuole che la sua piccola auto debutti nei concessionari americani.

La chiave del suo successo sarebbe anche in questo caso il prezzo altamente competitivo, che unito ad un cattivo momento per l'economia dovrebbe convincere gli automobilisti americani, abituati ad auto di grandi dimensioni, che una micro-car indiana è conveniente. Un'ipotesi su cui concordano molti analisti. Jeff Schuster, direttore esecutivo della JD Power, ha detto che "il mercato è certamente più aperto a questo genere di prodotti che in passato, visto anche l'aumento del prezzo del perolio". Joseph Barker, della CSM Worldwide, è un altro sostenitore del debutto di Tata in Nord America, ma secondo lui si parlerà di successo ad una sola condizione: che il Gruppo indiano riesca a costruirsi una solida immagine di sicurezza e qualità.

"Il lancio dell'auto low cost negli Stati Uniti è qualcosa che non prenderemo alla leggera", ha promesso Ratan Tata in un'intervista a The Financial Times, spiegando che "il mercato statunitense non perdona".

Renault prepara l'auto da 2.500 dollari

Foto di: Eleonora Lilli