Belli non sono, ma dai "mulotipi" avvistati a Padova nascono i capolavori del Cavallino Rampante

A Padova sono atterrati gli alieni e sulle loro astronavi sfoggiano un Cavallino Rampante su fondo giallo! Ad un esame più attento la notizia bomba degli extraterrestri ad Auto e Moto d’Epoca 2014 (23-26 ottobre) viene però ridimensionata, dato che gli stranissimi veicoli avvistati nello stand Ferrari non sono altro che "mulotipi". Sempre UFO sono, dirà qualcuno, senza sapere che un mulotipo Ferrari è un prototipo marciante utilizzato dalla Casa di Maranello per testare innovazioni tecniche, nuovi motori o sviluppare la meccanica delle prossime supercar, con i collaudatori che macinano migliaia di chilometri in giro per il mondo.


Alla Fiera di Padova sono per la prima volta esposte vetture provenienti contemporaneamente dal Museo Ferrari di Maranello e dal Museo Enzo Ferrari di Modena, compresi proprio i mostruosi mulotipi. Fra questi c’è il prototipo de LaFerrari, il muletto F150 nero che sembra una 458 Italia camuffata, la verde 599 HI-KERS con vistose prese d’aria sul cofano, la F430 che nasconde sotto la carrozzeria proprio la 458 o una blu e "gibbosa" 612 Scaglietti per lo sviluppo delle sospensioni. Ancora più particolari sono la 360 Modena trasfigurata nel progetto "Dual Frame" e il prototipo di sviluppo della Ferrari Enzo nascosta dalle sembianze di una larga e lunga 348 nera.

Auto e Moto d’Epoca, lo sbarco delle Ferrari "mostruose" [VIDEO]

Foto di: Fabio Gemelli