Nuovi il design, il motore, l’abitacolo: per essere ancora una delle piccole più apprezzate, badando al sodo ma anche al look

Noi italiani dovremmo essere esperti in materia di design e comprendere perché la Opel Corsa è invecchiata così bene. Una bella sfida, dunque, quella di rinnovare la piccola tedesca che ho guidato per la prima volta nelle strade ondulate attorno a Francoforte. E il momento di voltare pagina è stato anche l’occasione per introdurre il nuovo motore 1.0 tre cilindri turbo benzina a iniezione diretta, di cui ho cercato di descrivere il comportamento nel video. Facendo anche mente locale su come si posiziona questo sostanzioso restyiling rispetto alle varie Citroen C3, Ford Fiesta, Peugeot 208, Renault Clio, Toyota Yaris, e Volkswagen Polo. Senza dimenticare la Fiat Punto, che in Italia resta il modello più venduto nell’importante segmento B, la categoria delle utilitarie. E che con la Corsa ha in comune la piattaforma FGA Small, che nel 2005 e nel 2006 ha dato vita rispettivamente all'italiana e alla tedesca e che Opel non ha abbandonato, aggiungendo qualche novità strutturale (come nel caso dei sottotelai delle sospensioni).


Si presenta bene


Faccia da Adam, posteriore da Astra, e fiancata con una nervatura che sa molto di Insignia. Razionalmente si può riassumere così il nuovo aspetto esterno, che d’altra parte - così, a pelle, senza troppi ragionamenti - mi ha fatto una bella impressione. Il nuovo frontale funziona, riesce ad abbassare il cofano e al tempo stesso rendere il tutto più raccolto. E la coda fa sembrare anche la nuova 5 porte più maschile rispetto al passato. Calcando ancora di più la mano sulla 3 porte, che ha una carrozzeria più scavata di prima, con la zona dei passaruota su cui si può appoggiare un bicchiere, tanto è orizzontale. La carrozzeria comunque non è stata stravolta, quindi il bagagliaio resta uno dei punti di forza: regolare, capiente, ben rifinito.


Dentro ci sa fare


Stesso discorso per lo spazio di chi siede dietro, che dà l’impressione di stare su una macchina di categoria superiore. Avrei approfittato dell’opportunità di riprogettare questa nuova generazione per aggiungere in questa zona dell’abitacolo anche delle bocchette per la climatizzazione e delle prese elettriche (Usb o da 12 V). Davanti, invece, l’aggiornamento c’è stato eccome, perché la nuova plancia ha materiali più morbidi al tatto, è stato integrato nella console centrale il sistema d’infotainment IntelliLink (che essendo un po’ basso non si legge sempre bene), e sono cambiati anche i comandi del climatizzatore.


I “mille”, piccoli ormai non sono


In movimento ci si accorge poi che davanti agli occhi c’è una strumentazione diversa , più chiara e completa visto che nel display digitale il computer di bordo mostra il funzionamento dei nuovi dispositivi di ausilio alla guida, disponibili a richiesta. Come il sistema che legge i cartelli stradali, molto utile per impostare il cruise control quando non si sa quali siano i limiti di velocità. E veniamo al motore. Il piccolo 1.0 ha 115 CV e 170 Nm a 1.800 giri è piacevolmente fluido e regolare, accetta bene le marce lunghe anche a bassa velocità (il nuovo cambio manuale a 6 rapporti si manovra meglio che sul precedente modello) e quando si affonda sull’acceleratore sa il fatto suo, anche sulle salite che ho percorso in questo primo test drive, piene di curve e saliscendi che mi hanno permesso di valutare anche lo sterzo, rivisto sia nelle parti meccaniche che nella taratura del software. Guidando come farebbe un padre di famiglia ho letto sul computer di bordo consumi medi intorno ai 5,5 litri/100 km, salendo a 7,5 litri/100 km quando ho deciso di spingere di più per divertirmi e mettere alla prova le prestazioni del motore.


Euro 6 per tutte, per ogni esigenza


Le altri motorizzazioni disponibili oltre al 1.0 Turbo (da 90 o 115 CV) sono i benzina 4 cilindri 1.2 da 70 CV e 1.4 da 90 CV, che sarà disponibile anche con doppia alimentazione benzina-Gpl, e i turbo diesel 1.3 da 75 e 90 CV. Tutti i propulsori sono omologati Euro 6, mentre i cambi disponibili sono un manuale a 5 marce (motori 1.2, 1.4 e 1.3 CDTI), un manuale a 6 marce (motore 1.0) o manuale robotizzato (solo con il 1.4). Il listino prezzi va da 12.100 a 18.600 euro, con dimensioni di 4,02 metri in lunghezza, 1,75 in larghezza 1,48 in altezza, e 2,51 di passo, mentre fra gli equipaggiamenti più interessanti ci sono fari bixeno, aiuto al parcheggio, telecamera di retromarcia sedili e volante riscaldabili.

Nuova Opel Corsa, atto quinto

Foto di: Fabio Gemelli