Angela Merkel salva gli automobilisti tedeschi dalle novità 2016

Autostrade tedesche a pagamento per gli stranieri. Chi ama viaggiare in macchina fa bene ad anticipare eventuali tour in Germania perché dal 2016 dovrà fare i conti con il pedaggio. Dopo tanti anni di discussione, Angela Merkel ha dato il via libera a questa rivoluzione ed ha confermato che i tedeschi continueranno ad usufruire delle infrastrutture gratuitamente perché già bersagliati dai contributi. Anzi, c’è di più: le tasse per le strade locali sono state ridotte per compensare il pedaggio nelle autostrade inserito come parte integrale nel processo di registrazione di un’auto. Senza considerare le spese per raccogliere il denaro, la Germania si aspetta di ricavarne 500 milioni di euro l'anno. Di seguito i dettagli.


Quanto si paga e dove


Gli automobilisti stranieri pagheranno, ma solo per le autostrade a quattro corsie, quella che il ministro dei traporti Alexander Dobrindt ha definito una "tassa sulle infrastrutture". Ai punti di frontiera si potrà acquistare un ticket di dieci euro che vale dieci giorni di percorrenza. Le targhe di tutti i veicoli in regola saranno inserite in un database e lungo la strada saranno monitorate da alcune telecamere. L’importo dell’eventuale multa non è stato ancora comunicato.


Chi viene esonerato


Le auto immatricolate all'estero che percorrono le autostrade a due corsie non pagano. Il caso più frequente riguarda i pendolari che dalla Svizzera vanno in Germania per fare acquisti.


In memoria dei "vecchi" tempi ecco la nostra prova in Autobahn di un'Audi RS 6 Avant... sul filo dei 300 km/h.



Nuova Audi Rs 6 Avant: la prova a 280 km/h




Non ha più il motore V10 di origine Lamborghini e sull’altare del downsizing ha perso 2 cilindri e 20 CV di potenza. Ma dopo averla guidata sulle autobahn tedesche senza porsi dei limiti (di velocità), non è certo questo il pensiero che la nostra mente ricorderà. Perché l’ago del tachimetro...