Al Salone di Pechino un SUV di lusso derivato dalla Cayenne

Tra le tante novità del Salone di Pechino (27 aprile -2 maggio 22) non mancano proposte di costruttori minori, specializzati in auto in piccola serie appetibili per il sempre crescente mercato cinese. E' il caso di Eterniti Motors, società londinese di recente fondazione, che dopo la Hemera vista a Francoforte, propone sul mercato cinese l'analoga Eterniti Artemis, SUV di lusso e ad alte prestazioni basato sulla Porsche Cayenne. Sarà ordinabile dalla prossima estate e in vendita nell'autunno del 22, anticipando dunque l'arrivo delle analoghe "concorrenti" con marchio Bentley, Lamborghini e Maserati.

Tra le caratteristiche dei prototipi di Artemis, presentati al salone in veste non definitiva, si nota soprattutto la configurazione della zona posteriore dell'abitacolo, con due sedute singole reclinabili, ampio spazio per le gambe, e appositi spazi per la collocazione di iPad e bevande. Oltre al comfort interno, garantito dagli interni in pelle, dai rivestimenti con finitura artigianale e da altri accessori, un team di ingegneri, guidati dallo specialista Alastair Macqueen e con il supporto del pilota di F Johnny Herbert, ha curato anche il anche il piacere di guida, attraverso il tuning specifico, i cerchi da 23" con pneumatici ribassati 35/25 e il V8 4,8 litri della Cayenne con doppia sovralimentazione: quest'ultimo ha una potenza di oltre 6 CV e 75 Nm di coppia massima, con accelerazione da a km/h in 4,5 secondi e velocità massima di 29 km/h. La Eterniti Artemis nella configurazione di Pechino avrà un prezzo internazionale di oltre 25 più tasse, mentre in Cina ci saranno differenti strategie di prezzo.

Eterniti Artemis concept

Foto di: Sergio Chierici