La prima ibrida del marchio giapponese ha debuttato in patria, ma forse non arriverà mai da noi

La Subaru XV Ibrida è arrivata in Giappone. Il primo veicolo ibrido del marchio orientale è nelle concessionarie locali, ma non è ancora stato deciso se verrà esportato. Come anticipato da OmniAuto.it questo modello utilizza, con motore elettrico affiancato a quello tradizionale a scoppio, mantiene il classico sistema Symmetrical AWD (All-Wheel Drive), ma ha prestazioni del telaio e rigidità del corpo vettura migliorati. Il motore boxer a benzina - 4 cilindri da 2.0 litri - è stato parzialmente modificato lavorando principalmente sulla riduzione degli attriti, mentre la trasmissione è stata sviluppata esclusivamente per il modello ibrido utilizzando il già conosciuto cambio automatico a variazione continua Lineartronic (CVT). Il Sistema AWD permanente può distribuire la coppia alle quattro ruote anche in EV (Electric Vehicle) nella guida a bassa velocità e tutte e quattro le ruote sono azionate sia con il motore tradizionale a scoppio che nella guida ibrida.

Come spiega Subaru le parti pesanti - batterie molto compatte - sono state posizionate nella parte posteriore sotto lo spazio di carico così che la distribuzione dei pesi e il baricentro basso sono stati mantenuti allo stesso livello del modello a benzina. In esclusiva per questo modello ibrido è stata poi sviluppata la funzione "Eco-Cruise Control", che viene impiegata con il sistema di assistenza alla guida "EyeSight". Mentre il sistema "EyeSight" è in funzione, l'Adaptive Cruise Control monitora il range delle velocità consentendo un’economia reale di carburante sfruttando al massimo la funzione del motore elettrico. Il variare del flusso di energia del sistema ibrido a seconda delle condizioni di guida è mostrato sul display multifunzione.

Subaru XV