E' una C70 2.4 D5 e finisce in Germania

La Volvo C70 è una convertibile con tetto rigido appartenente ad un mercato di nicchia, ma i 50.000 esemplari prodotti la rendono di certo un modello di successo.
Il raggiungimento di questo importante traguardo produttivo arriva per la Volvo C70 seconda serie a meno di 4 anni dalla presentazione e rende giustizia sia alla bontà del progetto che alla qualità delle infrastrutture Pininfarina demandate alla sua costruzione. L'attuale C70 è infatti prodotta ad Uddevalla, in Svezia, dalla Pininfarina Sverige AB, stabilimento di proprietà al 60% di Pininfarina SpA e al 40% di Volvo Car Corporation.

La Volvo C70 numero 50.000 è un esemplare nero "Sapphire Black" con motorizzazione diesel 2.4 D5 da 180 CV e cambio automatico Geartronic ed è stato consegnato al tedesco Harald Kirschey, il cliente di Olpe che aveva ordinato la vettura presso la Autohaus Mohag di Recklinghausen.

Nelle parole del neo-proprietario la C70 "è una convertibile che racchiude in sé tutto ciò che cerco in un'auto, anche per il mio lavoro." I fattori sicurezza, tecnologia e bellezza hanno giocato un ruolo primario nella scelta del professionista tedesco che considera la C70 "una delle più belle cabriolet sul mercato".

Probabilmente l'acquirente tedesco è stato anche attratto dalla doppia anima cabrio/coupé della C70, dalla versatile motorizzazione turbodiesel e che l'American IIHS institute (Insurance Institute for Highway Safety) l'ha premiata come "Top Safety Pick" in tema di sicurezza.

Volvo C70