In Ferrari, Lamborghini e Maserati, stop alle attività e dipendenti liberi di raggiungere le famiglie

La nuova scossa di terremoto, per la quale pare che si contino già oltre dieci vittime, ha fermato l'attività delle fabbriche di supercar del modenese. Gli aggiornamenti dall'Emilia, dove il segnale dei telefoni cellulari funziona a intermittenza, arrivano tramite Twitter. Dopo il terremoto, l'attività lavorativa è stata sospesa per permettere a tutti di raggiungere le loro famiglie, ha informato Ferrari tramite il suo account, mentre Fernando Alonso che si trovava a Maranello ha riportato che anche i lavori della Scuderia in fabbrica sono stati sospesi. Stop anche a Sant'Agata Bolognese negli stabilimenti Lamborghini, che ha tweetato un messaggio che recita: "Ingegneri stanno verificando lo stato degli edifici e della fabbrica ma non sembra ci siano danni". Chiusa a scopo precauzionale anche Ducati. I dipendenti della Casa di Borgo Panigale stanno tutti bene. Un nostro collega si trova invece a Modena dove era in programma il lancio stampa della Maserati GranTurismo Sport. Pare che anche la Casa del Tridente non abbia avuto danni.

DONAZIONI PER I TERREMOTATI AL 45500

Ricordiamo che fino al 26 giugno è attivo il numero 45500 attraverso il quale si possono donare 2 euro in favore della popolazione colpita dall'emergenza. Il ricavato della sottoscrizione sarà destinato alle necessità indicate dalla Regione Emilia-Romagna. Si può donare inviando un sms o chiamando da rete fissa il numero 45500. Il servizio è attivo solo con gli operatori nazionali Tim, Vodafone, Wind, 3, Poste Mobile, CoopVoce, Tiscali e Noverca e su rete fissa con Telecom Italia, Infostrada, Fastweb, TeleTu e Tiscali. La cifra raccolta sarà interamente destinata alle popolazioni colpite. Sulle cifre non grava l'Iva e nessuna quota andrà agli operatori di telefonia.

[Foto: Twitter]

Terremoto in Emilia: nuova scossa nel Nord Italia