Le offerte degli operatori a disposizione di chi intende puntare sull'auto elettrica

Forse l'automobile elettrica pura, che si immaginava diffusa capillarmente nelle nostre strade già in questi mesi, avrà bisogno ancora di un po' di tempo per essere veramente “popolare”; tuttavia, l'elettrico sta diventando sempre più un argomento di interesse, per le sue doti ambientali, producendo zero emissioni allo scarico, e per le sue possibilità di risparmio. In attesa di veicoli con più autonomia e costi di acquisto sempre più bassi, quali sono le opportunità di ricarica e, soprattutto, i costi per chi, oggi, intende acquistare un'automobile elettrica in Italia?

L'ENERGIA DA UN OPERATORE NEL LIBERO MERCATO A CIRCA 0,20 EURO/KWH

La fornitura dell'elettricità può avvenire attualmente attraverso un operatore nel libero mercato dell’energia, pagando in base ai consumi effettivi: difficile determinare la spesa esatta, così come, ad esempio, nella telefonia, poiché le tariffe sono variabili in base a gestori, fasce orarie, kW consumati e diversi tipi di offerta. Grosso modo, l'importo medio è di 0,20 euro/kWh: utilizzando un veicolo elettrico, come ad esempio la Peugeot iOn, e percorrendo 15.000 km/anno, la spesa è equivalente a 375 euro. Sono 0,025 euro/km, rispetto allo 0,10 di una Panda 1.2.

ENERGIA DAI GESTORI: DA 40 A 80 EURO/MESE

L'altra possibilità è di ricevere l'energia aderendo a una delle numerose proposte dei gestori con tariffe domestiche dedicate all’auto elettrica. In Italia sono due: Enel (insieme a Hera Comm in Emilia Romagna) e Sorgenia. "Enel Drive Tutto Compreso" è un piano tariffario al costo di 80 euro/mese, ripartiti in 60 euro per i primi 6 mesi e 25 euro dal 61 mese in poi, che comprende la wall box con contatore dedicato, le spese di installazione, manutenzione e assistenza, e la possibilità di ricarica gratuita dalle colonnine pubbliche Enel della propria città. Sorgenia, invece, propone tre diversi importi mensili in base ai km/anno effettuati: 40 euro (10.000 km), 60 euro (20.000 km) o 80 euro (30.000 km); le tariffe includono gli stessi servizi di quelle Enel, anche se la wall box è priva di contatore.

LE COLONNINE

La ricarica pubblica prevede invece la tariffa di Enel, "flat" a 25 euro/mese, e i progetti sperimentali di A2A e Class Onlus, che potrebbero subire variazioni in futuro: nel primo caso c'è un'attivazione di 10 euro e il “rifornimento” libero per tre mesi a 15 euro (quindi 5 euro/mese) nelle colonnine di Milano e Brescia; nel secondo, c'è la ricarica gratuita dalle prese della rete Class Onlus -6 colonnine all’Iper di Monza, e prossimamente 50 su tutto il territorio della Brianza- se registrati al servizio e in possesso della Carta Regionale dei Servizi della Lombardia.

Per saperne di più vai sulla guida alle auto elettriche di OmniAuto.it.