Il prototipo “supercharged” della roadster nipponica arriva fino a 237 CV

L'AMI di Lipsia (2-10 giugno 2012) sta diventando un'importante vetrina di lancio per vetture di serie ed ora anche di prototipi, come dimostra l'inedita Mazda MX-5 Yusho Concept presentata all'evento tedesco. Quello che al momento è solo un esemplare unico dimostrativo dotato di motore 2.0 con compressore volumetrico e 237 CV. Difficilmente la Casa di Hiroshima proporrà una versione di serie di questa sportiva MX-5 Yusho Concept, ma per gli appassionati è lecito sognare una rivale diretta della coppia Toyota GT86 / Subaru BRZ.

"SUPERCHARGED" ALL'AMERICANA

Rispetto alla MX-5 2.0 di serie da 160 CV e 188 Nm la Mazda MX-5 Yusho Concept (dalla parola giapponese che significa "vittoria") propone un'elaborazione di motore che tramite il "supercharger" dell'americana Flyin' Miata porta la potenza a 237 CV e la coppia massima a quota 274 Nm. Il resto della cura di potenziamento è Cosworth e comprende anche nuovi pistoni, bielle e iniettori speciali e un impianto di scarico sportivo a flusso più libero. Il cambio è il classico 6 marce manuale e con un rapporto di riduzione finale più corto la velocità massima tocca una punta di 240 km/h.

ASSETTO SPORTIVO

Altre caratteristiche uniche della Mazda MX-5 Yusho Concept sono gli ammortizzatori sportivi Bilstein, le molle ribassate Eibach e le barre antirollio maggiorate. I cerchi in lega da 17" hanno una finitura grigia scura e montano pneumatici Toyo semi-slick. La finitura della carrozzeria è in bianco opaco, su cui spicca il diffusore di coda con look fibra di carbonio e scarichi centrali. Dentro ci sono sedili a guscio della Recaro e il volante ricoperto in Alcantara.

Mazda MX-5 Yusho Concept