Mitsubishi ha già la mente al prossimo decennio con il suo "Environmental Vision 2020" che segue all'"Environment Initiative Program 2010" conclusosi virtualmente con l'arrivo sul mercato della i-MiEV, la propria vettura elettrica da poco entrata in produzione per essere commercializzata presso gli enti e le aziende i Giappone con la previsione di arrivare alla vendita ai privati nelle normali concessionari entro la prima metà del 2010 e quindi diffondersi in altri paesi del mondo.

La visione di Mitsubishi è ancora elettrica accompagnata, come per il piano 2010, da una generale diminuzione dell'impatto ambientale per l'intero business, soprattutto per i processi di produzione. Per accompagnare anche in comunicazione la strategia che la casa giapponese metterà in campo, è stata coniata una nuova tagline "Drive@earth" e sono state individuate tre linee guida fondamentali: "Prodotto & Tecnologia", "Attività aziendali" e "Cooperazione sociale".

Per "Prodotto & Tecnologia" Mitsubishi intende elettrificazione ulteriore della propria gamma (elettriche in varie forme e ibridi plug-in) fino a raggiungere il 20% dei propri volumi produttivi insieme al miglioramento dei motori a combustione interna, alla riduzione del peso e delle dimensioni delle vetture e infine il taglio del 50% delle emissioni globali di CO2 rispetto ai livelli del 2005. Alla voce "Attività aziendali" vanno ascritte la pianificazione e lo sviluppo di sistemi di produzione, vendita e assistenza che allarghino l'utilizzo di veicoli elettrici nonché l'assegnazione a ogni settore dell'azienda di nuovi e più sfidanti obiettivi di rispetto ambientale. La Casa dei Tre Diamanti vuol diminuire del 20% le emissioni di CO2 per la produzione dei propri veicolo rispetto ai livelli del 2020.

Con la "Cooperazione sociale" Mitsubishi invece vuole lavorare a stretto contatto con i clienti e la società nel suo insieme per creare le infrastrutture necessarie alla diffusione dei veicoli elettrici e la promozione di nuove abitudini alla mobilità, più rispettosi dell'ambiente.