Vietata in Europa. Un bene o un male?

Qualcuno ricorderà sicuramente la Great Wall Peri 4x4, la piccola vettura cinese al centro lo scorso anno di un caso di plagio nei confronti della Fiat Panda. Risultato: Peri multata dal tribunale di Torino e interdetta alla vendita sui mercati europei. Sul mercato interno cinese però la Peri (o GWPERI nella denominazione ufficiale Great Wall Motor Company) continua a essere commercializzata come modello di ingresso dell'intera gamma, a un prezzo base di 36.900 Yuan che corrisponde a circa 3.900 euro al cambio attuale.

La versione venduta in Cina è spinta da un motore a benzina a 16 valvole di 1.342 cc, 65 CV e 115 Nm. Con dimensioni esterne di 3.548×1580×1544 mm, un passo di 2.299 millimetri e una massa a vuoto di 1.015 kg la Peri dovrebbe superare i 160 km/h di velocità massima, su pneumatici 165/70 R14 e contando su freni a disco anteriori e a tamburo posteriori. Non sono noti i dati relativi a consumi ed emissioni, valori probabilmente ancora poco richiesti dal pubblico cinese. Il cambio è un manuale a 5 marce e, mentre l'aria condizionata è presente su tutti gli allestimenti, ABS, cinture regolabili in altezza e servosterzo sono disponibili solo sulle versioni più accessoriate.

In Cina, evidentemente, più che l'originalità del design o la qualità delle finiture e delle dotazioni, si guarda al sodo cercando un prezzo il più basso possibile, come dimostra in maniera esemplare la Peri che della Panda è sì un clone ma che costa anche quasi tre volte meno.