Nuova versione Outdoor, diverse finiture, motori con versioni ecologiche e sistema di assistenza al parcheggio

Skoda Yeti si rinnova. Esternamente presenta novità di dettaglio e la modifica più evidente riguarda l'allestimento Outdoor, che impiega scudi paraurti con inserti e protezioni inferiori, e specchi retrovisori in tono grigio metallizzato. Nuovo anche il disegno dei cerchi in lega, ora di quattro tipi diversi, e inedite quattro tinte metallizzate, compresa la Magnetic Brown che è destinata al solo allestimento top di gamma Laurin & Klement. All'interno la Yeti restyling, presentata al Salone di Francoforte (2-22 settembre 23), offre invece nuovi volanti a tre razze, tessuti inediti e modanature.

LA PRIMA SKODA CON SISTEMA DI ASSISTENZA AL PARCHEGGIO

Per quel che riguarda la dotazione, sulla Yeti restyling debutta per la prima volta su una Skoda il sistema di assistenza al parcheggio, già presente su altre vetture del gruppo Volkswagen: denominato Optical Parking Assistant, utilizza una telecamera, e permette di parcheggiare in modo semiautomatico sia nei posti auto a pettine che in quelli paralleli al marciapiede, e anche di uscire dal parcheggio. Debutta anche il sistema di apertura e avviamento senza chiave, denominato Kessy, e tra le opzioni compaiono Climatronic bizona, tetto panoramico, parabrezza termico, sedili riscaldabili, cruise control, sedile guidatore a regolazione elettrica. Le doti principali della Yeti riguardano la versatilità di carico: sono dunque confermati il grande bagagliaio, da 45 litri a 5 spostando avanti i sedili posteriori, fino a 76 litri abbattendo totalmente i sedili, mediante il sistema VarioFlex. Di serie anche 9 airbag, ABS e ESC; a richiesta i fari bixeno con luci diurne a LED, i fendinebbia con funzione cornering, il sensore pressione pneumatici.

MOTORI TURBO A INIEZIONE DIRETTA, ANCHE CON TRAZIONE INTEGRALE E CAMBIO DSG

I motori a benzina della Yeti restyling sono il .2 TSI da 5 CV e il .4 TSI da 22 CV, quest'ultimo anche in versione Green tec, con sistema di recupero dell'energia in frenata, Start&stop e gomme con resistenza al rotolamento ridotta. I diesel sono invece il .6 TDI 5 CV GreenLine, con emissioni limitate a 9 g/km di CO2, per un consumo medio di 4,6 l/ km, e due versioni Green tec, basate rispettivamente sul .6 da 5 CV e sul 2. TDI da 4 CV. Al vertice della gamma, il 2. TDI 7 CV, solo con trazione integrale Haldex e cambio a doppia frizione DSG a sei marce; la trazione integrale e il cambio DSG, anche a 7 marce, sono disponibili anche su altre motorizzazioni. La Yeti restyling arriverà sul mercato a fine anno.