Il tribunale accoglie il ricorso dalla Fiom per la riassunzione di 145 operai iscritti al sindacato

Il giudice del lavoro del Tribunale di Roma accoglie il ricorso avanzato dalla Fiom-Cgil, in rappresentanza di circa 145 operai che non avevano trovato posto nella nuova fabbrica di Pomigliano d’Arco, Napoli. La sentenza emessa oggi, dopo le due udienze della scorsa settimana, parla di discriminazione contro l’associazione sindacale e oltre a far riassumere gli operai obbliga il Lingotto a versare a 19 lavoratori 3.000 euro di risarcimento per danni. Allo stato attuale, nello stabilimento campano nessuno dei circa 2.200 addetti assunti dal costruttore automobilistico è fra gli iscritti alla Fiom.